Home Cronaca di Palermo Oltre 500 salme in attesa di sepoltura al cimitero Rotoli: il Comune svuota i primi loculi

Oltre 500 salme in attesa di sepoltura al cimitero Rotoli: il Comune svuota i primi loculi


Francesca Catalano

Da domani il Comune di Palermo procederà all'estumulazione delle salme poste nelle nicchie per le quali è trascorso il periodo trentennale di concessione previsto dal vigente regolamento cimiteriale

Continua il caos posti nei cimiteri Palermitani e così il Comune, il 17 luglio scorso, ha presentato un piano per il superamento della criticità, che prevede la sepoltura di circa trecento salme entro i primi giorni di agosto.

Da domani il Comune di Palermo svuoterà 71 loculi al cimitero dei Rotoli. L’annuncio è arrivato tramite una nota formale con cui si comunica il calendario (reso noto per rendere possibile la presenza dei familiari) seguito nelle procedure di “estumulazione delle salme poste nelle nicchie e nelle cellette per le quali è trascorso il periodo trentennale di concessione“.

Inizia da qui il piano dell’Amministrazione per riportare il decoro nel camposanto e uscire dall’emergenza.

IL CALENDARIO:


LEGGI PURE: Nuova ordinanza sui cimiteri: il comune offre cremazioni gratis per defunti da tumulare


L’ORDINANZA:

Nell’ordinanza che ufficializza la procedura si sottolinea infatti che l’estumulazione è necessaria “tenuto conto della gravissima emergenza derivante dalla carenza pluriennale di posti salma all’interno del cimitero Santa Maria dei Rotoli che ha determinato alla data del 16 luglio la presenza di 516 salme in deposito in attesa di inumazione/tumulazione e gravissimi rischi igienico sanitari. Tenuto conto altresì dei rilievi Asp in merito all’utilizzo dei locali deposito salme“.

Con la modifica del regolamento si intende autorizzare in caso di necessità anche la liberazione di nicchie occupate da meno di 30 anni seguendo ovviamente l’ordine cronologico partendo da quelle occupate da più di 29 anni e poi, a seguire, quelle occupate da un tempo inferiore.

Nel piano del Comune però c’è anche la cremazione gratuita per i 516 feretri attualmente in deposito. “Nell’ottica di una significativa riduzione – si legge ancora nel provvedimento – l’Amministrazione ha dato indicazioni di chiedere ai congiunti delle salme a deposito l’eventuale disponibilità alla cremazione a carico della stessa Amministrazione; che al ricorrere di tale formale disponibilità il feretro verrà trasferito, nelle more della ripresa del funzionamento del forno crematorio ai Rotoli, presso un’altra sede e il trasporto e la cremazione saranno economicamente a carico di questa amministrazione comunale“.

VISITA LE NOSTRE PAGINE FACEBOOK

ISCRIVITI ALLE NOSTRE COMMUNITY

Potrebbero interessarti