Home Cultura e società Il barboncino Tommy protagonista di un calendario letterario all’insegna della beneficenza

Il barboncino Tommy protagonista di un calendario letterario all’insegna della beneficenza


Marianna La Barbera

Protagonista dell'iniziativa è il barboncino Tommy : ogni mese, una sua foto accompagna una storia dedicata al mondo dei cani. Dodici autori hanno aderito, a servizio di una nobile iniziativa

Gli animali, si sa, sono i migliori amici che si possa desiderare e talvolta supportano gli umani nella realizzazioni di nobili azioni, finalizzate a promuovere valori e a diffondere contenuti utili per il benessere collettivo: è il caso di Tommy, magnifico barboncino bianco, coinvolto in svariate occasioni dal padrone Sergio Quartana, presidente dell’Associazione Culturale Polizia Municipale di Palermo e commissario del Corpo, nella realizzazione di alcuni calendari fotografici con immagini a tema. 

Anche quest’anno, il bellissimo quattrozampe è il protagonista di un almanacco, ma c’è una novità: si tratta, infatti, di un calendario “letterario” realizzato grazie al coinvolgimento di dodici autori con altrettante storie, dedicate al mondo dei cani. 

Non a caso, il titolo è “Storie di cani. Il calendario 2021 di Tommy“: di mese in mese, infatti, oltre alla foto del delizioso barboncino, c’è un racconto, all’insegna di un tenero e inusuale binomio che vede animali e letteratura a servizio di una finalità benefica. 

I proventi, infatti, saranno devoluti a “Piccoli battiti”, un progetto di prevenzione cardiologica nelle scuole che nasce dall’impegno comune dell’ Associazione “Movimento per la Salute dei Giovani”, insieme a “La Stella di Lorenzo”, “A.B.R.A.”, “Il Cuore di Andrea”, in sinergia con enti pubblici, realtà private e aziende.

L’obiettivo è la realizzazione di un’azione di informazione, fondata soprattutto sulla prevenzione dei rischi cardiologici nei giovani, oltre alla possibilità di eseguire screening elettrocardiografici gratuiti nelle scuole per la ricerca e l’individuazione di eventuali alterazioni alla base di una patologia cardiaca potenzialmente fatale.

Il progetto annovera anche un’importante implicazione di natura sanitaria, in considerazione della cooperazione fra le associazioni e le istituzioni, per offrire un arricchimento dell’offerta assistenziale medica in termini di efficacia, efficienza ed economicità, con il grande vantaggio di evitare a genitori e ragazzi i disagi e l’ansia di recarsi presso un ambulatorio medico cardiologico pubblico o privato.

Un beneficio rivolto soprattutto alle famiglie che sperimentano condizioni di difficoltà economiche e sociali, attraverso un’incisiva azione di prevenzione e di controllo a “largo raggio”.

Ad aderire, con grande entusiasmo, sono state dodici firme: Carlo Baiamonte, Vivienne Casesa, Fabio Ceraulo, Rita Giammarresi, Roberta Impallomeni, Alessia Lo Bianco, Federica Lo Bianco, Adele Musso, Ignazio Rasi, Giuseppe Visconti, Ettore Zanca e Giovanni Giallombardo

Questo’ultimo fa parte del gruppo di lavoro che ha messo a punto l’idea del calendario, insieme a Teresa Gammauta, Sergio Quartana, Maurizio Lo Bianco e Michele Pignataro

Il progetto trae le mosse da un’intuizione di Teresa, fine e talentuosa autrice che, in un pomeriggio estivo, propone a Sergio la realizzazione di un calendario che, per ogni mese, si arricchisce di una storia che accompagna la foto di Tommy. 

Detto, fatto. 

Il team ha trovato subito alcuni compagni di viaggio: oltre a Fabrizio Artale, presidente dell’associazione “Movimento per la Salute dei Giovani”  all’interno della quale si inserisce “Piccoli battiti”, ci sono la regista Linda Ferrante, che girerà uno spot promozionale con il barboncino, il percussionista Alessio Tarantino e Fabio Quartana, che reciterà un monologo scritto dalla stessa Teresa nell’ambito della presentazione pubblica. 

Tante energie a lavoro, con la consapevolezza che, a causa dell’emergenza sanitaria in atto, la promozione del calendario non potrà essere quella prevista originariamente, ma ciò non impedirà, di certo, la spedizione, anche fuori città. 

Il contributo è di soli cinque euro a copia; chi lo volesse, può già prenotare la propria scrivendo all’indirizzo [email protected]

Potrebbero interessarti