Home Cronaca di Palermo Alluminio nell’acqua, AMAP avvia i rimborsi per i disagi dello scorso anno

Alluminio nell’acqua, AMAP avvia i rimborsi per i disagi dello scorso anno


Redazione PL

Il rimborso è pari al 50% dei consumi registrati nel periodo del disservizio. Mentre oltre 5.300 utenti hanno già ricevuto il rimborso, altri 14.200 lo riceveranno entro il prossimo ciclo di fatturazione

amap

Già 5.300 utenti hanno ricevuto il rimborso previsto dai regolamenti nazionali e regionali per i disagi subiti lo scorso anno, quando per alcune settimane era stato sconsigliato l’uso potabile dell’acqua per la presenza di alluminio. Le prolungate alte temperature avevano infatti modificato le caratteristiche chimico-biologiche dell’acqua. Si erano dunque determinate delle criticità nei processi di potabilizzazione, risolti poi, anche in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, grazie all’utilizzo di specifici reagenti e alcune modifiche alle procedure.

Attuando quando previsto dal contratto e dalla legge regionale n° 19 del 2015, Amap ha già avviato i rimborsi parziali. Mentre oltre 5.300 utenti hanno già ricevuto il rimborso, altri 14.200 lo riceveranno entro il prossimo ciclo di fatturazione. Il rimborso è pari al 50% dei consumi registrati nel periodo del disservizio.

IL PIANO DI PREVENZIONE DI AMAP

Si parte anche con la prevenzione. Per evitare che possa ripetersi il problema come conseguenza di possibili nuove e prolungare ondate di calore, l’azienda ha infatti programmato l’acquisto di specifici reagenti chimici e l’adozione di procedure di potabilizzazione specifiche, sempre seguendo le indicazioni dell’Istituto di Sanità.

“Dobbiamo purtroppo fare i conti con un riscaldamento globale che è sempre più tangibile e presente nella nostra vita quotidiana”. Così  afferma l’Amministratore unico Alessandro Di Martino. “Per questo l’azienda si sta attrezzando e sta progettando interventi che nel medio-lungo periodo permettano di affrontare in modo strutturale il problema. Per questo, abbiamo già presentato un progetto complessivo di potenziamento dei sistemi di potabilizzazione dell’intera provincia, in parte già finanziato con i fondi del PNRR e in parte, per la parte che riguarda l’importante impianto di Risalaimi, per cui siamo in una fase di dialogo con la Regione per individuare le fonti di finanziamento”.

Il sindaco Roberto Lagalla ha espresso il proprio compiacimento “per l’impegno dell’Amap nell’aver inviato i rimborsi ai cittadini”. “Allo stesso tempo – ha aggiunto – confido nell’annunciato impegno dell’azienda ad avviare un piano di potenziamento dei sistemi di potabilizzazione dell’intera provincia”.

CONTINUA A LEGGERE

Amap, terminati i lavori di manutenzione su tubazione del centro di Palermo

 

Potrebbero interessarti