Home Economia e lavoro AMAT, sindacati: “Preoccupati per il futuro, chiesto incontro al Prefetto”

AMAT, sindacati: “Preoccupati per il futuro, chiesto incontro al Prefetto”


Redazione

Preoccupazioni sul futuro dell'azienda e dei lavoratori: i sindacati Amat continuano a chiedere un incontro col Prefetto.

amat

Dopo l’incontro di ieri a Villa Niscemi sulla vertenza Amat, i sindacati continuano a chiedere un incontro col Prefetto di Palermo.

“Prendiamo atto che gli assessori al Bilancio Marino e ai Rapporti funzionali con Amat, Catania, con il ragioniere generale del Comune di Palermo Basile, il Direttore generale Le Donne e il Presidente dell’Amat, sono giunti alla decisione di istituire un tavolo tecnico di confronto per la rimodulazione del contratto di servizio fra Comune e Azienda; ma rimaniamo scettici sul mantenimento degli impegni discussi senza un formale documento o protocollo d’intesa siglato e tra l’altro in assenza del Sindaco, che non era presente per ulteriori e pressanti impegni. Ribadiamo la nostra richiesta di incontro in Prefettura”.

“Preoccupazioni per il futuro”

Così si legge sulla nota firmata da Franco Mineo (Filt Cgil), Salvatore Girgenti e Mimmo Perrone (Fit Cisl), Franco Trupia (Uil Trasporti), Corrado Di Maria (Ugl Trasporti), Fabio Danesvalle (Faisa Cisal), Carlo Cataldi (Cobas Trasporti) e Giuseppe Taormina (Orsa Trasporti).

“Noi abbiamo ribadito le nostre preoccupazioni sullo stato di salute e sul futuro dell’azienda – proseguono i sindacati – conseguentemente sulla salvaguardia dei posti di lavoro. Sui ripetuti ritardi nel pagamento delle retribuzioni dei dipendenti, ancora attese per questo mese, che sono tutti segnali sempre più allarmanti dopo le ultime imposizioni del Comune sui tagli al bilancio dell’Amat, senza concordarne su che servizi graveranno e sui quali rimaniamo assolutamente in disaccordo”.  

Sindacati Amat: “Un servizio già ridotto all’osso”

“Ciò nonostante, qualora venisse risolto il nodo dell’equilibrio economico e finanziario, resta il fatto di chiedersi a quale prezzo. In prospettiva, infatti, sembra profilarsi l’arretramento di un servizio già ridotto all’osso che spinge i cittadini verso la scelta del trasporto individuale, piuttosto che l’utilizzo del mezzo pubblico e un peggioramento delle condizioni di lavoro per il personale dell’Azienda, chiamato a fronteggiare quel che resta dell’utenza che ancora attende il bus alle fermate”.

“Per tale motivo – concludono i sindacati Amat – abbiamo chiesto un incontro al Prefetto per evidenziare le scelte del socio unico che sembra andare controcorrente rispetto a quanto indicato dal Governo Nazionale in materia del trasporto pubblico locale; vale a dire  fronteggiare il momento pandemico offrendo maggior servizio per il distanziamento e condizioni di maggior prevenzione sanitaria. Vigileremo per quanto nelle nostre forze sul futuro aziendale ed un maggior e migliore servizio ai cittadini”.

Potrebbero interessarti