Home Politica Amministrative 2022 Palermo, la candidata Rita Barbera incontra i cittadini

Amministrative 2022 Palermo, la candidata Rita Barbera incontra i cittadini


Redazione PL

La candidata alle prossime elezioni per il nuovo sindaco di Palermo incontrerà i cittadini per parlare dei problemi della città

Rita Barbera

Domenica 27 marzo, alle ore 11:00 presso il Parco Villa Tasca a Palermo Rita Barbera, candidata Sindaca, terrà il
primo incontro pubblico con la cittadinanza. L’incontro sarà l’occasione per confrontarsi sui problemi reali della città e sulle possibili soluzioni.

Mentre molti dei candidati dichiarano la loro partecipazione alla competizione elettorale supportati da una lista civica, di fatto quella di Rita Barbera risulta essere, oltre che la prima, anche “la più genuina dichiarazione della reale volontà di svincolarsi dagli schieramenti e dagli apparentamenti politici precostituiti mirando, attraverso il civismo, inteso come il primo dei doveri di cittadino e di concittadino che spinge a trascurare o sacrificare il benessere proprio per l’utilità comune, a considerare quelli che impropriamente sono ritenuti “beni comunali” e quindi asserviti alla politica, come “beni comuni” amministrati da e per i cittadini”.

PALERMITANI TUTELATI

L’incontro del 27 marzo sarà la prima occasione pubblica di confronto e di dialogo con la cittadinanza per la costruzione di un nuovo modo di pensare a una politica fatta di lavoro quotidiano, impegno e soprattutto di buona amministrazione.
M’interessa e mi stimola – dichiara Rita Barbera –l’idea di contribuire a rendere la mia città un luogo dove i singoli cittadini, ciascuno nel proprio ruolo e nella propria posizione, si sentano tutelati da una guida attenta e sensibile ai propri bisogni.

Penso il futuro di Palermo – aggiunge Rita Barbera – con la sua bellezza, la sua storia, la sua umanità, come a
quello di una città civile, ordinata e progredita, che metta al centro il rispetto dei cittadini, i valori del lavoro, della solidarietà, della giustizia sociale e della convivenza civile”.

CLICCA QUI PER ALTRE NOTIZIE DA CATANIA

Potrebbero interessarti