Home Politica Amministrative Palermo 2022, si vota non solo per il sindaco: cinque schede per il referendum di giustizia

Amministrative Palermo 2022, si vota non solo per il sindaco: cinque schede per il referendum di giustizia


Redazione PL

Si voterà un solo giorno, dalle ore 7 del mattino fino alle 23

schede

Il prossimo 12 giugno si svolgeranno le elezioni amministrative con al voto circa mille Comuni. A Palermo i cittadini sono chiamati a scegliere il nuovo sindaco che prenderà il posto di Leoluca Orlando (al suo ultimo mandato). Sette sono i candidati nel capoluogo: Roberto Lagalla, Ciro Lo Monte, Rita Barbera, Franco Miceli, Fabrizio Ferrandelli, Francesca Donato e Gaetano Cammarata. Un solo giorno per votare, domenica 12 giugno dalle ore 7 del mattino alle ore 23 di sera.

I palermitani saranno chiamati non solo a eleggere il primo cittadino. Saranno in totale sette le schede dove si dovrà votare: cinque per il referendum di giustizia, una scheda azzurra per scegliere il sindaco e i consiglieri comunali e un’altra rosa per le Circoscrizioni. Basterà barrare il nome del candidato per cui si desidera esprimere preferenza, che si tratti del sindaco o del presidente di Circoscrizione. Barrato poi il simbolo del partito, bisognerà indicare il nome del consigliere comunale o di Circoscrizione. È possibile anche l’opzione del voto disgiunto: si può fare una croce sul nome di un candidato sindaco e una sul simbolo di una lista che appoggia un candidato diverso.

GOVERNO DRAGHI: OK AL DECRETO PER IL VOTO DI GIUGNO

Il Governo Draghi ha approvato nelle scorse ore un decreto che stabilisce le modalità di voto. Il testo comprende “disposizioni urgenti per lo svolgimento contestuale delle elezioni amministrative e dei referendum. Appena completate le operazioni di votazione e quelle di riscontro dei votanti per ogni consultazione, si procede alle operazioni di scrutinio dei referendum”. Quindi quello relativo alle elezioni amministrative si svolgerà “alle ore 14 del lunedì, dando la precedenza alle elezioni comunali e poi a quelle circoscrizionali”.

Il decreto prevede “l’applicazione di modalità operative, precauzionali e di sicurezza ai fini della raccolta del voto“. Inoltre il governo ha disposto  “apposite misure di prevenzione del contagio, per garantire lo svolgimento in sicurezza del procedimento elettorale e della raccolta del voto“. Per i positivi al Covid e in generale per tutti i malati è possibile richiedere il voto a domicilio: per Palermo si trovano tutte le indicazioni sul sito del Comune, al seguente link: https://www.comune.palermo.it/palermo-informa-dettaglio.php?tp=1&id=34594.

Negli ospedali con più di cento posti letto che ospitano malati Covid saranno installate vere e proprie sezioni elettorali ospedaliere.

CLICCA QUI PER LE NOTIZIE DI CATANIA LIVE 24 

 

 

 

Potrebbero interessarti