Home Politica Elezioni Palermo, Consiglio Comunale: riconteggio con sorpresa, cambia un consigliere di Forza Italia

Elezioni Palermo, Consiglio Comunale: riconteggio con sorpresa, cambia un consigliere di Forza Italia


Elian Lo Pipero

Tutto confermato o quasi tra i nuovi eletti che siederanno tra qualche giorno a Sala delle Lapidi

consiglio

I giochi sono fatti. Definiti i risultati degli eletti al nuovo Consiglio Comunale di Palermo. Un riconteggio dei voti che alla fine ha regalato una clamorosa sorpresa, rispettando l’andamento di queste amministrative 2022 dove se ne sono viste di tutti i colori tra seggi chiusi e presidenti assenti. In Forza Italia Rosi Pennino è riuscita ad ottenere l’ultimo posto disponibile a Sala delle Lapidi ai danni di Pasquale Terrani. La revisione dei voti ha visto ottenere 21 voti in più alla Pennino, mentre cinque in meno a Terrani.

Per il resto nel partito del leader Gianfranco Miccichè tutto confermato: primo posto indiscusso per Ottavio Zacco  con 3405 preferenze (+41). A seguire Caterina Meli (3224 con 39 voti in più); Gianluca Inzerillo (2601 con ben 50 voti aggiunti),  Giulio Tantillo (2324, +48), Natale Puma (1147, +5) e Leopoldo Piampiano (1039, +1).

Confermati tutti i consiglieri comunali in Fratelli d’Italia: Francesco Paolo Scarpinato chiude a 2631 voti ottenendo dal riconteggio altre 37 preferenze; seguono l’eurodeputato Giuseppe Milazzo (2020,+7), Antonio Rini, sindaco di Ventimiglia di Sicilia che ha chiuso a 1748 voti con 13 preferenze in più. Il quarto posto di lista è occupato dalla giovane dottoressa Germana Canzoneri (1447, +16). Chiudono l’ispettore di Polizia Municipale Tiziana D’Alessandro, con 1365 preferenze (+6) e Fabrizio Ferrara, (1336 voti, +1).

Cinque seggi per Lavoriamo per Palermo: Dario Chinnici (1948, +39), Giuseppe Mancuso (1204 – +31), Giovanna Rappa (933, +10), Salvatore Allotta (867, +39) e Antonino Abbate che ha perso, però, 21 voti. Tre seggi a Democrazia Cristiana dove sono stati confermati Salvatore Imperiale (1387, +34), Domenico Bonanno (1095, +9) e Viviana Raja, quest’ultima è riuscita ad avere la meglio alla fine di Giuseppe La Vardera.

In Prima l’Italia invece primeggiano le donne con le uscenti Sabrina Figuccia in testa alla preferenze (1891 + 53) e Marianna Caronia (1783, +19). Terzo posto per Alessandro Anello (1071, +31). 

CENTROSINISTRA 

Conferme anche nel PD dove primeggia il candidato sindaco perdente Franco Miceli al quale spetta un posto a Sala delle Lapidi. Al primo posto Carmelo Miceli (2118, +54), poi Teresa Piccione (2051, +13), Rosario Arcoleo (1864 , +32), il deputato regionale Giuseppe Lupo (1580, +19 ,e infine  l’ex vicesindaco Fabio Giambrone (1559, +25).

Anche in Progetto per Palermo spazio alle donne: Valentina Chinnici (1934, +21) prima e Mariangela Di Gangi (1152 – +26), attiva per oltre dieci anni a capo dell’associazione Zen Insieme. Tra le due donne si posiziona in seconda posizione Massimo Giaconia (1253, +19 col riconteggio). 

In +Europa-Azione confermatissimo l’uscente consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli che di certo non ha sfigurato nella corsa a sindaco di Palermo. A completare i seggi Giulia Argiroffi (1170 voti, +31), Leonardo Canto 1115 voti (+2), distacco di pochissimo da Ugo Forello al quale non sono bastate le 9 preferenze in più ottenute e ha chiuso a 1111. 

Il nuovo Consiglio Comunale dovrebbe insediarsi la prossima settimana, a meno di clamorose sorprese.  

Potrebbero interessarti