A Palermo nasce il progetto MARTHA: musica, arte e formazione in una start-up tutta al femminile

Nel cuore della Palermo Liberty nasce MARTHA, acronimo di Music ART House Academy, un luogo unico in città pensato per vivere da vicino la musica classica e l’arte.

MARTHA, il progetto

L’ambizioso progetto, che ha preso vita grazie all’unione di quattro giovani donne – Chiara Volpes, pianista e direttrice artistica, Paola Lo Curto, cantante e responsabile sviluppo progetti, Martina Martire, storica dell’arte e responsabile progetti arte e Francesca Adamo Sollima, cantante e responsabile formazione docenti – è stato sviluppato negli ultimi tre anni e ha portato alla realizzazione di un luogo pensato e studiato per soddisfare le esigenze degli artisti e dei musicisti professionisti. Un luogo familiare, in cui trovare la dimensione della condivisione e dell’ascolto. MARTHA, infatti, è una casa (House) le cui sale possono ospitare House Concert e performance multimediali, registrazioni audio-video (Music), esposizioni di opere d’arte ed eventi culturali o aziendali (ART), conferenze, seminari e masterclass (Academy).
La sede si trova al piano terra di un palazzo d’epoca del 1906, in Via Siracusa n. 32 (Palermo), e verrà inaugurata domenica 4 dicembre dalle ore 11 alle 19.

Il progetto d’impresa è stato supportato da Invitalia grazie al programma d’investimento Resto al Sud del quale MARTHA è risultata vincitrice. Con il fondo ricevuto, l’impresa ha puntato moltissimo sull’aspetto acustico – realizzando un sistema di pannelli fonoassorbenti unico al mondo – e sulle tecnologie più avanzate del settore audio e video, elementi che si integrano perfettamente con la sede storica, in un binomio davvero eccezionale. Ad arricchire la sede sono i pianoforti moderni e storici, questi ultimi restaurati nel prestigioso Atelier di Ugo Casiglia.

Le attività

Tra le attività di MARTHA un posto di rilievo occupano le masterclass e i Master annuali di alto di perfezionamento musicale, guidati da docenti di fama internazionale, come Alessandro Deljavan per il pianoforte, Riccardo Ghiani e Silvia Careddu per il flauto, Giovanni Sollima per il violoncello, Jérémy Jouve, Gilbert Impérial e Lorenzo Micheli per la chitarra e molti altri. Da gennaio 2023, prenderanno il via anche i workshop e i seminari di formazione per i docenti di musica della scuola primaria, secondaria di primo grado e dei licei musicali: corsi di videoscrittura musicale, corsi di didattica della musica con tre workshop dedicati alla vocalità tenuti da Tullio Visioli e un ciclo di seminari sul tema Musica e Spiritualità.
“Abbiamo scelto la nostra isola e la nostra città come punto di riferimento per la valorizzazione e lo sviluppo della musica classica e dell’arte. Dopo aver seguito i nostri percorsi accademici individuali e ampliato la nostra formazione in Italia e all’estero, le nostre esperienze lavorative e personali nell’ambito artistico e didattico ci hanno spinto a creare un’azienda che offra risposte alle reali esigenze del settore culturale nella città di Palermo.”

Scarpe rosse e “Nascondiglio” in vetrina per dire no alla violenza

Advertising
Advertising

Leggi anche

Concorso letterario “Città di Cefalù”, a Katiuska Falbo la direzione artistica

Morte Mario Pupella, la camera ardente al Teatro Sant’Eugenio

Mario Pupella, una vita votata all’arte del teatro e alla cultura