Fratelli d’Italia, Antonio Rini è il nuovo presidente della città metropolitana di Palermo

Il consigliere comunale di Palermo Antonio Rini è il nuovo presidente della città metropolitana di Palermo di Fratelli d’Italia. Lo ha eletto il congresso che si è svolto ieri presso la sala conferenze dell’hotel Astoria. Presenti gli oltre 2000 iscritti al partito in città.

“Con emozione accetto questa nuova sfida – ha detto Rini appena eletto -. Fratelli d’Italia, con la nostra leader Giorgia Meloni, è un partito vero che ha permesso, per il suo congresso cittadino, un autentico momento di confronto, dibattito e progettualità. Il nostro obiettivo sarà quello di proseguire la campagna di radicamento territoriale, costruire un partito aperto, plurale e contribuire ad un programma di governo della Città serio, responsabile e concreto. Noi siamo pronti”.

Fratelli d’Italia, il congresso a Palermo

Ad aprire i lavori, coordinati dal parlamentare nazionale del partito di Giorgia Meloni, Antonio Giordano, c’erano l’ex presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Guido Lo Porto, seguito dal segretario cittadino di Fratelli d’Italia, Domenico Macchiarella, dal coordinatore della DC, Giorgio Cipolla, e dal rappresentante dell’MPA Totò Lentini. Presente per un saluto anche il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla.

Il presidente uscente, Francesco Scarpinato, ha ufficialmente passato le consegne al neo eletto. Nella relazione finale, Scarpinato ha espresso la sua fiducia in Rini, convinto che proseguirà nel cammino tracciato dal partito, mantenendo saldi i valori della comunità di Fratelli d’Italia.

Le reazioni in Fratelli d’Italia

Soddisfazione per l’esito dei lavori congressuali da parte del deputato palermitano Carolina Varchi. “Sono certa che la lunga e appassionata militanza ed esperienza nelle istituzioni locali di Antonio Rini, al quale auguro buon lavoro, costituisca una solida base per affrontare le sfide future con saggezza e determinazione – afferma Varchi -. Il suo contributo sarà di fondamentale importanza per il successo delle future iniziative di Fratelli di Italia in città”.

“Siamo riusciti a trovare una sintesi – afferma il presidente provinciale di Palermo Raoul Russo – ma soprattutto siamo riusciti a costruire un grande partito articolato, inclusivo e pensante nel quale ci sia diritto di cittadinanza politica, che ha l’ambizione di cambiare l’Italia”.

“Fratelli di Italia, ha dato prova di compattezza, ponendosi come partito guida in città e affermando il suo ruolo centrale all’interno della coalizione di centro destra – dice il coordinatore regionale Gianpiero Cannella -. Vogliamo ribadire il senso di maturità politica dimostrata dal primo partito d’Italia, che poco più di un anno fa ha scelto di rinunciare ad una candidatura credibile, pur di creare le condizioni perché ci fosse un’alleanza più vasta possibile di centro destra, a sostegno del professore Roberto Lagalla, che ha consentito l’elezione del sindaco della città metropolitana e l’insediamento di una amministrazione che sta ben operando al servizio della città di Palermo”.

Il direttivo

In seno al congresso sono stati eletti 13 membri del direttivo che, con quelli designati dal presidente, risulta composto da Felice Brescia, Germana Canzoneri, Claudio Castronovo, Bartolo Corallo, Ignazio Gattuso, Nicola Glorioso, Francesco La Mantia, Rosolino Lo Cicero, Sergio Mannara, Antonino Pisciotta, Gaetana Pontrelli, Natale Puma, Salvo Riccobono, Guglielmo Ruggero, Francesco Schembri, Vittorio Sinopoli, Antonio Tomaselli, Emanuele Vella, Gioacchino Vitale, Marcello Vitale.

Nei prossimi giorni, fa sapere il neo eletto presidente cittadino, Antonio Rini, verrà riunito il direttivo cittadino, per l’istituzione dei dipartimenti tematici e la nomina dei relativi responsabili.

CONTINUA A LEGGERE

 

La Regione boccia il bilancio consolidato, bloccate tutte le assunzioni

Leggi anche

Regione, il Confsal-Crab si appella a Schifani: “Si firmi il contratto e si avvii il processo di riqualificazione per i lavoratori”

Gianni Alemanno presenta in Sicilia il neo-movimento “Indipendenza!”

Mozione coppie omogenitoriali, la comunità LGBTQIA+ al Consiglio comunale: “Stanchi di essere usati”