Rubava soldi e bancomat alle madri dei bambini ricoverati: indagata 39enne

Rubava denaro contante e utilizzava i bancomat delle madri dei bambini ricoverati. La Procura di Trapani ha chiuso le indagini preliminari su L.G.V. , 39enne dipendente di una ditta di pulizie. L’accusa a suo carico è di furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito e pagamento. I reati si sarebbero perpetuati da circa un anno presso l’ospedale “Sant’Antonio Abate” di Trapani.

L’addetta alle pulizie, secondo le risultanze delle indagini, sottraeva soldi dalle borse delle madri dei piccoli in degenza. In alcuni casi si era anche impadronita temporaneamente di bancomat, al fine di farne utilizzo presso vari esercizi commerciali per somme di poco conto, così da non avere necessità del pin.

I sospetti erano partiti in seguito alle denunce di varie donne, tra cui una poliziotta che aveva il figlio ricoverato al Sant’Antonio Abate. La 39enne, per compiere i suoi furti, invitava le signore ad uscire fuori dalla stanza per effettuare le pulizie, e successivamente apriva le loro borse, custodite all’interno di armadietti.

Inoltre le indagini hanno permesso di appurare che l’indagata aveva derubato anche medici, infermieri e una sua collega addetta alle pulizie.

Advertising
Advertising

Leggi anche

Uomo trovato morto in Sicilia, la famiglia non crede al suicidio: al vaglio anche un video sul cellulare

Messina Denaro, saltano fuori le immagini della Giulietta: a riprenderla le telecamere del Comune

Le donne di Messina Denaro: bionde, more, imprenditrici e commercianti