Scandalo elezioni, candidato arrestato fu ferito nell’attentato di Fiumicino

Salvatore Ferrigno, il candidato del centrodestra all’Assemblea regionale siciliana arrestato ieri con l‘accusa di voto di scambio politico mafioso, era scampato all‘attentato terroristico a Fiumicino.

L’attentato  

Secondo il racconto di molti suoi compaesani, quel 27 settembre del 1985 Ferrigno si trovata all’aeroporto di Fiumicino. Un gruppo palestinese estremista assaltò l’aeroporto romano provocando uno dei bilanci più gravi: 13 morti e 76 feriti.

Ferrigno raggiunto da diversi colpi

Ferrigno, come raccontava ai suoi compaesani durante le feste di piazza, riuscì a salvarsi gettandosi per terra. Venne comunque raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco che gli costarono una lunga convalescenza in ospedale. 

Ieri sera avrebbe dovuto tenere il comizio di chiusura della campagna elettorale nella sua Carini. 

Chiedeva voti ai boss: arrestato a Palermo un candidato alle regionali

Advertising
Advertising

Leggi anche

Incarichi sanità siciliana, Razza tuona su Miccichè: “Mai cedere a logiche di bottega” | VIDEO

Disabili, più di 700 mila euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche in edifici privati

Ponte sullo Stretto, Schifani sull’apertura dall’Europa: “Un nuovo ruolo per la Sicilia”