Torino – Palermo, le pagelle: bene Nedelcearu e Brunori, male Buttaro

PIGLIACELLI  5: Incolpevole sui gol di Lukic e Pellegri, appare però incerto sul gol di testa di Radonijc e in qualche uscita.

BUTTARO  5: Per lui è stato come un esame di laurea. Dal suo lato imperversa il ciclone Radonijc, che mette in croce lui e l’intera difesa, anche se il giovane esterno rosa non molla mai. Partita utile per crescere.

MARCONI  5,5: Tiene bene la posizione sulle palle inattive, un po’ meno nelle uscite sui tagli degli avversari.

NEDELCEARU  6,5: Una delle belle sorprese della serata torinese. Fisicità, sicurezza, senso della posizione sono le caratteristiche di questo gigante rumeno, che si propone già come un punto fermo della stagione. (SILIPO sv)

SALA  6: Si muove con circospezione nel primo tempo, stando attento a non scoprire la fascia e cercando intesa con i nuovi compagni. Ovviamente da rivedere.  (CRIVELLO sv)

DE ROSE  5,5: Fa il suo, come sempre, tamponando come e dove può.

BROH  6: Molto bene nel primo tempo, dove copre una porzione di campo gigantesca. Cala come era normale alla distanza

ELIA  5,5: Anche per l’esterno destro numero 77 il giudizio è rinviato al prosieguo della stagione. Qualche spunto interessante ma ancora poca concretezza. (DAMIANI sv).

SOLERI  5,5: Generosissimo nel lottare su ogni pallone, per dare supporto a Brunori e cercare di tenere alta la squadra, ma i difensori del Torino erano troppo coriacei. (SOMMA sv)

FLORIANO  6: Impegna Milinkovic-Savic con un tiro insidioso nella ripresa. Fa il suo massimo e non tira mai indietro la gamba. (STOPPA sv)

BRUNORI  6,5: Avesse segnato con quel tiro a giro nel primo tempo sarebbe venuto giù il settore ospiti dell’Olimpico Grande Torino. Ingaggia con Buongiorno un duello duro e leale, e non rinuncia mai a lottare. 

ALL. DI BENEDETTO  6

Advertising
Advertising

Leggi anche

Venezia, Pohjanpalo: “Abbiamo avuto diverse occasioni, andavano capitalizzate meglio”

Palermo-Venezia, Pigliacelli: “Tre punti persi, dobbiamo dare di più”

Palermo-Venezia, Corini: “La partita è stata aperta, non meritavamo di perdere”