Home Cronaca Assoimpresa, Attinasi: «Pensare alla Ztl in questo momento lascia senza parole»

Assoimpresa, Attinasi: «Pensare alla Ztl in questo momento lascia senza parole»


Redazione

Il presidente di Assoimpresa, insieme al vicepresidente di Feipe Assoimpresa e al presidente Ficest Assoimpresa, chiedono che al Sindaco di rivalutare l'ordinanza che da il via alla Ztl.

In seguito alla notizia diffusa dai giornali della riapertura della Ztl in centro, a partire dal 18 maggio, l’associazione per tutela delle piccole e medie aziende difende le ragioni dei commercianti. Il presidente di Assoimpresa, Mario Attinasi commenta così le decisioni comunali: Lascia senza parole avere appreso dalla stampa che l’amministrazione Comunale, per bocca dell’Assessore Giusto Catania, ha emesso un’ordinanza che rimette in vigore la Ztl nel centro storico di Palermo”.

Con i negozi ancora chiusi per l’emergenza covid-19 e con le incertezze sul futuro delle imprese – sottolinea Mario Attinasi – ascoltare queste parole in questo momento storico, è assurdo e anacronistico e denota anche una grave assenza di tatto e di comprensione nei confronti del tessuto sociale ed economico della città di Palermo”.

L’altro fattore che potrebbe far scomparire le attività palermitane, sostiene Attinasi, è il turismo che quest’anno sarà notevolmente ridotto: “Tra l’altro in mancanza di turisti per tutto il 2020 non si capisce con quali clienti dovrà lavorare il negoziante che si trova dentro la Ztl considerato anche che la mobilità pubblica potrà contenere un esiguo numero di passeggeri a causa delle norme covid19. Ci attendiamo dal sindaco un’urgente presa di posizione per scongiurare l’entrata in vigore di questa ordinanza, deleteria per l’economia cittadina”.

Ad appoggiare le parole provenienti da Attinasi è anche Vito Minacapelli, imprenditore nonché presidente Ficest Assoimpresa: “In riferimento alla dichiarata intenzione dell’amministrazione di rispristinare a far data dal 18 maggio la Ztl esprimiamo il nostro totale disappunto per una decisione che andrebbe contro le dinamiche di quest’ultimo periodo, sia verso le attività imprenditoriali sia verso i cittadini tenendo conto del distanziamento sociale imposto sui mezzi pubblici. Chiediamo pertanto un ripensamento e provvedimenti che prendano atto della mutata realtà”.

Infine, a lanciare un altro grido di allarme è anche Francesco Carnevale, ristoratore e vicepresidente di Feipe Assoimpresa: “Il centro storico di Palermo vive un momento drammatico a causa degli effetti del covid19, e alla vigilia di una crisi  economico e sociale che sarà devastante, aprire un dibattito sulla Ztl ci sembra surreale. Attendiamo l’Amministrazione su iniziative ben più urgenti e in grado di alleviare il disagio sociale dei nuovi e vecchi poveri che questa crisi genererà”.

Potrebbero interessarti