Home Cronaca Palermo, anche il nuovo autoparco dei vigili urbani si allaga

Palermo, anche il nuovo autoparco dei vigili urbani si allaga


Redazione

Primo acquazzone e il nuovo autoparco dei vigili urbani di Palermo si allaga, proprio come avveniva nella vecchia struttura di via Carlo Amore

multato

Nuova sede vecchi problemi. E’ quello che sta accadendo all’autoparco della polizia municipale di Palermo, che è ancora allagato. Un paradosso, visto che proprio a causa dei continui allagamenti, il parco macchine dei vigli urbani era stato spostato da via Carlo Amore al nuovo parcheggio di via Ugo La Malfa. Al primo acquazzone però, gli allagamenti si ripresentano puntuali.

L’AUTOPARCO ALLAGATO: LA STORIA SI RIPETE

Gli allagamenti erano una routine alle prime piogge anche nell’autoparco della vecchia sede di via Carlo Amore. Putroppo dopo le piogge dei giorni scorsi, anche la nuova struttura di via Ugo La Malfa non è stata da meno. Anche in questo caso l’area dove sono parcheggiate le auto si è allagata. Un tubo dell’acqua piovana si sarebbe rotto, ma sembra escluso che la tanta acqua caduta sabato in modo violento sia arrivata fino al parcheggio.

TECNICI AL LAVORO

“Questa mattina – fanno sapere i sindacati – ci sono i tecnici che stanno valutando quanto successo e verificare se è solo unaquestione legata alla pendenza della strada che regolarmente sitrasforma in fiume ad ogni acquazzone o sono le pompe disollevamento che non hanno fatto il loro dovere”.

Autoparco vigili urbani allagato

ALTRI PROBLEMI

Quello degli allagamenti non è l’unico disagio del nuovo autoparco. Come sottolinea il Csa-Cisal in una nota di Nicola Scaglione, ci sono anche altri problemi come “il guano dei piccioni invade tutta la struttura, e fa diventare ormai improcrastinabile una pulizia straordinaria dei locali”. Ancora, “le porte tagliafuoco sono in pessimo stato d’uso e molte di esse, sono bloccate o non funzionanti; alcuni rubinetti dei lavandini e galleggianti delle cassette degli scarichi sono guasti con la conseguenza che spesso i bagni non sono utilizzabili o utilizzabili parzialmente”.

Potrebbero interessarti