Home Cronaca di Palermo Caos aeroporti: scioperano anche gli addetti della vigilanza in Sicilia

Caos aeroporti: scioperano anche gli addetti della vigilanza in Sicilia


Redazione PL

Domenica 17 luglio anche in Sicilia incroceranno le braccia gli addetti della Vigilanza privata e dei servizi di sicurezza, occupati in siti aeroportuali, in attesa da quasi 7 anni del rinnovo del contratto nazionale scaduto nel 2015. Le segreterie regionali siciliane di Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltucs sostengono lo sciopero indetto dalle Federazioni Nazionali.

“Con questa ulteriore giornata di sciopero che segue quella svolta a livello nazionale a Roma il 2 maggio con una imponente manifestazione di tutti gli addetti del settore della vigilanza privata e servizi fiduciari – dichiarano Sandro Pagaria, Giusi Sferruzza e Marianna Flauto segretari generali di Filcams Sicilia Fisascat Sicilia e Uiltucs Sicilia. – si vuole sollecitare la ripresa del tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto di settore scaduto da oltre 7 anni.”

Questa nuova mobilitazione interviene contro l’atteggiamento dilatorio e inconcludente delle associazioni datoriali di settore Assiv; Univ, Anivip, LegaCoop, Agci Servizi e Lavoro, che quasi 7 anni di trattative all’ultimo incontro del 18 marzo, anziché confrontarsi su una proposta salariale dignitosa, hanno dichiarato di non aver ricevuto mandato dalle aziende associate.

Pagaria, Sferruzza e Flauto, denunciano la situazione drammatica in cui versa il settore significando uno stato di sofferenza. Oltre che di profondo disagio dei lavoratori e delle lavoratrici da quasi sette anni si trovano senza un aumento salariale e con retribuzioni insufficienti.

“Il mancato adeguamento del salario – continuano i sindacalisti – costituisce un elemento di estrema gravità. Soprattutto in un contesto già fortemente difficile per un’attività basata su contratti di appalto pubblici e privati, ad alta intensità di manodopera”.

Filcams CGIL, Fisascat CISLe Uiltucs concludono denunciando il colpevole “silenzio” delle Istituzioni, richiamandoli alle loro funzioni di controllo e intervento previste dalle norme vigenti.

CONTINUA A LEGGERE

Leggi anche: Un selfie con la Santuzza: dodici sagome artistiche in piazza Bellini

Potrebbero interessarti