Home Eventi, tv e spettacolo «Chiusura anticipata per “Live – Non è la D’Urso”: ascolti troppo bassi»

«Chiusura anticipata per “Live – Non è la D’Urso”: ascolti troppo bassi»


Pippo Maniscalco

Il talk show serale "Live Non è la D’Urso" chiuderebbe a causa degli ascolti bassi. Mediaset starebbe mettendo in campo un piano per rinnovare i palinsesti

Il sito Dagospia, che di solito è sempre bene informato, ha dato la notizia della probabile chiusura anticipata del talk show serale “Live Non è la D’Urso” a causa degli ascolti bassi. Mediaset starebbe mettendo in campo un piano di rinnovo palinsesti per la domenica sera. La motivazione ufficiale dello stop è di duplice natura: logistica ed economica. Lo studio di “Live”, infatti, pare destinato a una nuova edizione di Scherzi a Parte o di Ciao Darwin di Bonolis.

BASSI ASCOLTI

Quindi il trasloco in un altro studio annunciato da Barbara D’Urso a La Stampa sarebbe stata accantonato, anche per problemi di costi. Il discusso talk show, scrive Dagospia, alle prese con i bassi ascolti, tra il 10-12% fino a notte fonda, dovrebbe salutare il pubblico di Canale 5 addirittura tra fine marzo e inizio aprile. «Il vento sembra essere molto cambiato da qualche tempo ─ fa sapere il sito di Roberto D’Agostino ─. Si starebbe studiando quindi una soluzione per evitare di far passare la chiusura come una sonora bocciatura per Carmelita, come la chiamano i suoi fan».

Potrebbero interessarti