Home Cultura Clubhouse spopola su iphone, a breve app anche per android

Clubhouse spopola su iphone, a breve app anche per android


Francesca Catalano

Tutto sull'app più popolare del momento

clubhouse

Milioni di download per Clubhouse, l’app del momento. Ma cos’è? Si tratta di una piattaforma, solo audio, dove le persone si riuniscono per discutere una varietà di argomenti: musica, cinema, calcio, politica, salute, attualità e molto altro. Nessun post, nessun commento, nessun video: si parla e si ascolta, soprattutto, all’interno di room gestite da moderatori. Non ci sono commenti o messaggi scritti: tutta l’interazione è basata sulla voce e nulla può essere registrato.

REQUISITI PER ENTRARE: +18, APPLE ED INVITO

Requisiti? Avere almeno 18 anni ed un Iphone. Ebbene sì, l’app non è disponibile su altri dispositivi, quali Android. Inoltre, l’ambiente è molto esclusivo e dunque per accedervi bisogna inserire il numero di telefono ed avere un invito. Nell’attimo in cui viene scaricata l’app bisognerà attendere che un utente che conosciamo ci inviti ad entrare, sempre se non abbiamo già esaurito il numero di inviti concessi. Proprio così, nel momento in cui ci registriamo, abbiamo a disposizione solamente due inviti per i nostri conoscenti.

COME FUNZIONA L’APP?

Una volta entrati, ti verrà chiesto di selezionare gli argomenti che ti garbano di più, in modo tale che le stanze che ne parlano ti spuntino nella home. Una volta selezionata una room, ci si unisce come ascoltatore, con microfono disattivato. I moderatori della stanza, invece, possono intervenire a loro piacimento. Per chiedere di partecipare e parlare si può cliccare sull’icona della mano in basso a destra, e bisognerà aspettare che il moderatore ci accetti. Inoltre è possibile lasciare la stanza cliccando in basso a sinistra sulla scritta “leave quietly” (lascia in silenzio).

CLUBHOUSE E GOOGLE PLAY

Clubhouse ha superato 1 milione di download su Google Play. Ma c’è un problema: non si tratta dell’app tanto discussa che, come noto, è disponibile unicamente su iOS, e su invito.

Si tratta semplicemente di un caso di omonimia. L’app Clubhouse “sbagliata” è il primo risultato che viene proposto effettuando una ricerca sullo store di Google. Tuttavia l’icona, gli screenshot e la descrizione dell’app sono totalmente differenti.

QUANDO SARA’ DISPONIBILE SU ANDROID?

Ancora non è noto quando la piattaforma sarà disponibile anche su Google Play, ma l’attesa non sarà eccessivamente lunga. Gli sviluppatori dell’app hanno comunicato che i lavori per la versione Android inizieranno a breve. “Fin dai primi giorni, abbiamo voluto costruire Clubhouse per tutti. Con questo in mente, siamo entusiasti di iniziare presto a lavorare sulla nostra app per Android e di aggiungere più funzioni di accessibilità e localizzazione in modo che le persone di tutto il mondo possano sperimentare Clubhouse in un modo che sembra loro nativo”. Queste le parole dei due fondatori, Paul Davison e Rohan Seth, in un posto pubblicato sul blog ufficiale del social a fine gennaio.

Potrebbero interessarti