Home Eventi, tv e spettacolo “Coppie di parola…e di fatti!” la nuova personale di Eugenia Affronti

“Coppie di parola…e di fatti!” la nuova personale di Eugenia Affronti


Marianna La Barbera

L'esposizione, che riunisce dodici recenti acrilici su tela dell'artista palermitana, è incentrata su altrettante coppie famose della storia e della letteratura

Coppie di parola e…di fatti!” : è il titolo della mostra di pittura di Eugenia Affronti in programma a Palermo, negli spazi della Real Fonderia Oretea, in piazza Fonderia, dal 13 al 23 maggio.
L’esposizione, che riunisce dodici recenti acrilici su tela dell’artista, è incentrata su altrettante coppie famose della storia e della letteratura.
Rivisitate, però, da Eugenia Affronti con le peculiarità espressive e le cifre stilistiche che la contraddistinguono.
L’artista è nota sorpattutto per i suoi paladini ma anche per la straordinaria capacità di arricchire le opere che realizza con i simboli più iconici di Palermo, città dove è nata, e della Sicilia.
Nei suoi quadri, limoni, cassate, cannoli e pale di fico d’india: il trionfo della sicilianità, che si accompagna tuttavia anche a riflessioni profonde su alcuni temi cruciali e a una forte tensione civile.
L’inaugurazione si terrà venerdì 13 maggio alle 17:00.

La mostra, patrocinata gratuitamente dal Comune di Palermo, sarà visitabile tutti i giorni dalle
10:00 alle 13:30 e dalle 15:00 alle 18:30.
Per informazioni, è possibile chiamare il numero 371. 5729045 o inviare una e-mail a [email protected]
L’ingresso è libero.

IRONIA E RIFLESSIONE

“Coppie di parola e…di fatti!”, che si arricchisce dei testi di Margherita Musso – curatrice della mostra –  rappresenta una speciale evoluzione nel percorso artistico di Eugenia Affronti.
L’artista ha deciso di rendere meno solitario il suo pupo – paladino e di rappresentare, secondo la propria sensibilità, dodici coppie famose della storia e della letteratura.
Nella personale, ci sono Adamo ed Eva, Romeo e Giulietta, Franca e Ignazio Florio – per citarne solo alcune – rappresentate all’insegna di un’ironia che si incrocia con la malinconia.
Un sentimento poliedrico che, in Eugenia Affronti, si sposa anche all’imprevedibilità creativa.
Quella dell’artista, infatti, è un’evoluzione speciale e azzardata: i protagonisti delle coppie sono infatti rinominati con esiti a volte esilaranti.

Una delle coppie rivisitate e “rinominate” da Eugenia Affronti: Totuccio Adamo e Rosuccia Eva

E, quando prendono la parola, lo fanno in modo soprendente.
La pupara Eugenia che, secondo definizione, è colei che modella e costruisce i pupi siciliani, ha permesso, quindi, alla
curatrice di diventare oprante.
Ossia, di dare parola ai suoi pupi-paladini e alle loro compagne di vita, o di disavventura, animandoli.
Il tutto, immaginando  cosa si sarebbero detti – nel caso di dialoghi – o cosa avrebbero pensato – nel caso
delle poesie – se fossero vissuti nella contemporaneità, in un posto come Palermo o, ancora, se avessero parlato un
italiano misto al dialetto il palermitano.

TRADIZIONE E CONTAMINAZIONE

A ben rifletterci, il tema dei duelli e delle scene agonistiche che opponevano opposte fazioni è alla base degli antichi
riti di fertilità che accomunano tradizioni e culture diverse.
Proprio da essi, ha tratto forti spunti quell’opra dei pupi, cui la pittrice palermitana pare ispirarsi spesso.
Ogni rappresentazione teatrale e teatralizzata, oggi come nel passato, culminava sempre in scontri tra Mori e Saraceni, amici e nemici.
Ma anche, come nel caso di “Coppie di parola e…di fatti!” tra coppie che si contendevano l’amore di una fidanzata o di una sposa.
Tra le dodici coppie rappresentate da Eugenia Affronti, non a caso compaiono pure Romeo e Giulietta, parte del repertorio dei pupari dell’Europa meridionale.
La pittrice li ha rinominati “Rometto e Giuliea” proprio per corroborare il fatto che si ispira alla tradizione, alla storia e ai personaggi della letteratura ma li rispolvera, a tratti li contamina, adattandoli alle sue esigenze comunicative ed espressive.
In particolare, Eugenia Affronti si è resa paladina tra i paladini,  anche per stimolare l’osservatore e il lettore a ragionare sul proprio personale rapporto di coppia, identificandosi con una o più delle figure rappresentate o distaccandosene nettamente.

Potrebbero interessarti