Home Catania Live Cosa Nostra, confisca di beni a esponenti delle famiglie di Partanna Mondello e San Lorenzo

Cosa Nostra, confisca di beni a esponenti delle famiglie di Partanna Mondello e San Lorenzo


Redazione PL

cosa nostra

Confisca definitiva di beni nell’ambito di Cosa Nostra a Palermo. Le indagini del locale Nucleo Investigativo dei Carabinieri avevano già portato, nel maggio 2018 e nel gennaio 2021, all’emissione da parte della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo di un provvedimento di confisca da circa 530. 000 euro a carico di Aiello Epifanio, nato a Palermo il 20. 11.1966, e di uno da circa 200.000 euro a carico di Puccio Marcello, nato a Palermo il 24.09.1979. Il tutto in accoglimento delle richieste della locale Procura della Repubblica.

L’ingente patrimonio riconducibile a Cosa Nostra ora entra definitivamente a far parte del patrimonio dello Stato.

CONFISCA DEI BENI DI COSA NOSTRA

Aiello Epifanio, detto “Fanuzzo”, era stato arrestato nell’operazione “Apocalisse”. L’accusa era quella di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Palermo Partanna Mondello. In particolare, di aver messo a disposizione le società nella sua disponibilità. Ha riportato una condanna di primo grado ad anni 8 e mesi 8 di reclusione, confermata nei successivi gradi di giudizio.

Il provvedimento di confisca definitiva nei suoi confronti riguarda l’intero capitale sociale, con relativo complesso di beni aziendali, della società “CA.VIN.DA S.R.L.”, con sede in Palermo operante nel settore edile. E poi sette rapporti bancari e due veicoli.

Anche l’arresto di Puccio Marcello si colloca nell’operazione “Apocalisse”. L’accusa a suo carico era di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Palermo San Lorenzo. In particolare di essere stato un punto di riferimento, all’interno della suddetta consorteria, per la gestione delle estorsioni e dei lavori edili. Puccio ha riportato una condanna di primo grado ad anni 8 e mesi 8 di reclusione, aumentata in appello a 10 anni di reclusione, confermata nel successivo grado di giudizio.

Il provvedimento di confisca definitiva ha riguardato una quota pari a 3/5 di un’abitazione sita in Palermo e due rapporti bancari.

CONTINUA A LEGGERE

Rapporti con Cosa Nostra, confiscati beni al re dei surgelati di Palermo Vetrano

 

 

Potrebbero interessarti