Home Salute e benessere Covid in Sicilia, incidenza e ricoveri in salita: il bollettino settimanale

Covid in Sicilia, incidenza e ricoveri in salita: il bollettino settimanale


Redazione

Tasso di incidenza e ricoveri in aumento in Sicilia nell'ultima settimana. Ecco i dati del bollettino settimanale

covid ricoveri

Il tasso di incidenza del Covid in Sicilia è in aumento nell’ultima settimana, attestandosi a un valore di 61,68/100.000 abitanti. Il rischio più elevato, in termini di nuovi casi su popolazione residente, si registra nella provincia di Catania (105,5 nuovi casi su 100.000 abitanti), Messina (98,6) e Siracusa (86,7). E’ quanto emerge dal bollettino settimanale diffuso da Dasoe della Regione Siciliana.

Covid in Sicilia: il bollettino settimanale

In seguito al rialzo dei nuovi casi si registra un incremento, seppure limitato, di ricoveri e nuove ospedalizzazioni con ricadute sulla prevalenza di occupazione dei posti letto. L’ospedalizzazione interessa prevalentemente (81%) soggetti non vaccinati. Resta stabile la letalità.

I vaccini in Sicilia


In Sicilia i vaccinati con prima dose si attestano all’81,31 per cento del target regionale, gli immunizzati sono al 78,44 per cento. Le terze dosi finora somministrate sono 105.568 (pari all’1.54 % delle somministrazioni complessive).

Nella settimana in esame (4-10 novembre) si evidenzia un significativo aumento delle prime dosi, che ha interessato tutte le fasce di età, rispetto alla settimana precedente (28 ottobre-3 novembre) pari al 32,73 per cento, con un’inversione di tendenza rispetto ai 15 giorni precedenti.

Nonostante i livelli di incidenza si mantengano ancora contenuti, anche alla luce della progressiva crescita della copertura vaccinale, è attenzionata la chiara tendenza al rialzo.

Il Dasoe ribadisce: “L’importanza delle terze dosi come strumento per contrastare l’insorgere di eventuali recrudescenze. Rimane obiettivo prioritario incentivare l’adesione alla vaccinazione dei soggetti aventi diritto alla terza dose. Insistere sulla sensibilizzazione alla vaccinazione nelle aree a più bassa copertura vaccinale”.

Potrebbero interessarti