Home Salute e benessere Diabete, per la giornata mondiale screening e visite gratuite a Palermo

Diabete, per la giornata mondiale screening e visite gratuite a Palermo


Redazione

In occasione della giornata mondiale del diabete gli specialisti del Policlinico Giaccone misureranno i valori glicemici ed effettueranno visite diabetologhiche gratuite

diabete

Domenica 14 Novembre si celebra la Giornata Mondiale del Diabete. Anche l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone” sarà sul campo per celebrarla, al fine di favorire una maggiore prevenzione. Lo slogan scelto quest’anno è “Fai luce sul diabete”. Come accadrà in tutta Italia e nel mondo, anche Palermo avrà un faro di colore blu, che in questo caso illuminerà Palazzo delle Aquile per accendere i riflettori su questo tema.  

Domenica, nell’atrio di ingresso di Palazzo delle Aquile, dalle 10:30  alle 16:30, il personale medico e infermieristico della struttura complessa di Malattie Endocrine, del Ricambio e della Nutrizione, diretta dalla Prof.ssa Carla Giordano, misurerà i valori della glicemia ed effettuerà visite diabetologiche gratuite.

Inoltre saranno presenti gli studenti della Scuola di Medicina dell’Università di Palermo che, in camice e con fonendoscopio, andranno in giro per le strade del centro storico per favorire la partecipazione e l’adesione alla campagna di prevenzione.

La pandemia covid 19 – sottolinea la Prof.ssa Carla Giordano – ha influito negativamente sulla conduzione medica e terapeutica dei pazienti, causando trascuratezza in tutti i sensi; effetti che oggi stiamo osservando con la progressione di severe complicanze.

Il diabete è la prima causa di infarto, cecità, dialisi e amputazione degli arti – evidenzia la specialista –. Ci auguriamo che la partecipazione della popolazione sia elevata; la giornata mondiale del diabete rappresenta un’occasione di prevenzione importante; inoltre, al tempo stesso, di sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto alla necessità che tutti i pazienti affetti da diabete mellito possano avere pari accesso alle cure“. 

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti