Home Dal mondo Dopo la polemica, Djokovic bloccato sull’aereo all’arrivo in Australia

Dopo la polemica, Djokovic bloccato sull’aereo all’arrivo in Australia


Pippo Maniscalco

Tennis - Dopo tante polemiche per il problema sui visti in Australia, Djokovic non può scendere dall'aereo. Il ministro dello Sport non intende sostenere la partecipazione del serbo al torneo

La notizia era arrivata ieri dai canali social ufficiali di Novak Djokovic , dove era apparsa una foto che ritraeva il serbo già in aeroporto pronto per partire verso l’Australia, con un suo messaggio: “Ho trascorso del tempo fantastico con i miei cari durante la off-season e oggi sto andando in Australia con un permesso di esenzione”. Con queste parole Nole ha dato quindi assicurazione ai suoi fan che avrebbe difeso il titolo conquistato lo scorso anno a Melbourne. E quindi andare a caccia del decimo Australian Open in carriera. La notizia ha immediatamente innescato una bufera di polemiche, soprattutto sul web. Anche perché in Australia è stato appena registrato il record di contagi per la maggior parte di variante Omicron.

DJOKOVIC BLOCCATO ALL’EROPORTO DI MELBOURNE

E invece Djokovic, non appena arrivato in Australia alle 23.30 di oggi, ora locale, è bloccato in aereo all’aeroporto di Melbourne, per problemi con il visto. Si tratterebbe di un documento che non prevede l’esenzione medica che invece il tennista diceva di aver ottenuto. La polizia di frontiera ha contattato il governo locale dopo aver rilevato l’errore nella richiesta compilata dallo staff del serbo. Dopo le parole del premier australiano, per il quale nessuno senza autorizzazione sarebbe potuto entrare in Australia, la polizia dello Stato di Vittoria ha constatato la non conformità del documento presentato da Djokovic.

LA DECISIONE ALLE AUTORITÀ FEDERALI

Adesso la decisione spetta alle autorità federali. Nell’attesa, Djokovic resta bloccato in aereo e non può raggiungere Melbourne. Il ministro dello sport ad interim Jaala Pulford ha inviato un tweet a tarda notte confermando che il governo del Victoria non avrebbe sostenuto la domanda di visto di Djokovic. “Il governo federale ha chiesto se sosterremo la richiesta di visto di Novak Djokovic per entrare in Australia. Non forniremo a Novak Djokovic supporto per la richiesta di visto individuale per partecipare all’Australian Open Grand Slam 2022”, si legge nel tweet.

Potrebbero interessarti