Home Cronaca di Palermo Ergastolo per Pietro Morreale, la difesa della madre: “Molte prove a suo favore”

Ergastolo per Pietro Morreale, la difesa della madre: “Molte prove a suo favore”


Redazione PL

Femminicidio

È arrivata la conferma della sentenza di ergastolo per Pietro Morreale, il giovane accusato di aver ucciso la fidanzata Roberta Siragusa, bruciata viva la notte tra il 23 ed il 24 gennaio del 2021.

Dopo la notizia, a rompere il silenzio è la mamma del condannato, Antonina Zoida, che ha inviato una lettera alla redazione di Himeralive indirizzata al sindaco di Caccamo, Franco Fiore, in cui spiega le ragioni a difesa del figlio.

La lettera della mamma di Pietro Morreale

“Salve, mi presento sono la mamma di Pietro Morreale. Si sono proprio io, la mamma dell’assassino efferato, il mostro, l’orco e quant’altro fino ad ora si è voluto dire. Mi rivolgo al sindaco Franco Fiore che fino a qualche anno fa, io e la mia famiglia stimavamo, principalmente per la sua umanità. Sono molto rattristata per le dichiarazioni che lei in primis ha fatto sulla nostra famiglia e lo dico veramente col cuore. Io, prima come mamma e poi come educatrice, mi ritengo una persona che ha senso civico, morale e soprattutto tanta umanità. In questi tre anni i media, la gente di Caccamo, si proprio i mie concittadini che senza pensarci ci hanno cacciati dal paese e soprattutto ingiuriati senza pietà, non pensando che siamo anche noi, prima persone umane e poi genitori.

“Le prove in difesa di mio figlio”

Io che fin da piccolina quando mi chiedevano dov’ero nata, rispondevo con orgoglio: nel paese con il più bel castello. Non volevo arrivare a dire questo ma purtroppo mi avete costretta. Signor sindaco, saremmo stati io e la mia famiglia, felici che lei avesse presenziato in questi giorni in quell’aula di tribunale e tanta altra gente che purtroppo non ho visto, penso che una cosa è vedere le cose con i propri occhi e un’altra è sentirsele rapportare. Sa perché fino ad ora mio figlio non ha chiesto scusa e noi non abbiamo mostrato cordoglio per la famiglia Siragusa?

Lo spiego subito:

1) Esiste un video, consegnato dai Ris di Messina, dove si vede ad occhi nudi ed è stato confermato dalla corte di primo grado che Pietro era distante quasi 27 metri da quando Roberta ha preso fuoco.

2) Sempre la prima corte ha ipotizzato che Pietro avesse fatto una miccia, ma sempre la corte di primo grado nelle motivazioni, prima dice che dal video non vede nessuna miccia e poi in un secondo momento dice che la miccia non si vede perché è coperta dal muretto e dalla vegetazione. (non è un po’ tanto contraddittoria questa idea?).

3) Il corpo di Roberta è bruciato fino alla vita ed è certo che se Pietro avesse fatto una miccia, questo si sarebbe bruciato fino alle scarpe e invece le foto dei Ris, dimostrano chiaramente come sia le gambe che le scarpe sono rimaste intatte, SPIEGATEMI VOI.

4) Sempre nelle foto consegnate dai Ris non vi è alcuna traccia nel pavimento stradale di bruciatura, invece se fosse stata fatta una miccia, quest’ultimo non doveva restare integro.

5) Contrariamente come si è detto, dalla TAC total bobynel corpo di Roberta, non si sono riscontrati né segni di violenza né segni di difesa.

6) Un altro dato incontrovertibile è che la mano destra di Roberta, quindi quella dell’innesco era più bruciata rispetto alla sinistra.

7) Un altro dato accertato è che la bottiglia con la quale è stato appiccato il fuoco non era più di due litri, quindi chiediamoci quanta benzina serviva per fare una miccia di quasi 27 metri e cospargere il corpo di Roberta.

“Roberta voleva essere seppellita lì”

Signor sindaco, voglio dirle che già da subito come genitori, abbiamo sempre detto che se mio figlio avesse sbagliato doveva pagare ma con il protrarsi delle indagini, molte prove sono emerse a favore di Pietro. Le uniche colpe che ha Pietro e che ha sempre affermato e dichiarato agli inquirenti, e che già sta scontando da quasi tre anni sono l’omissione di soccorso e l’occultamento di cadavere.

Perché si è comportato in questo modo c’è anche una spiegazione, Pietro al momento del fatto ha subito un forte shock ma la corte purtroppo si è rifiutata di fare la perizia psichiatrica (sfiderei chiunque a vivere questa brutta scena). E poi Roberta quando si appartava con Pietro in quel posto, gli diceva: “Se mi dovesse succedere qualcosa, voglio essere seppellita in questo bellissimo posto”. Forse non crederete a queste cose ma purtroppo è la cruda realtà, liberi di crederci o no, ognuno ha libertà di pensiero.

“Gesto malsano della ragazza”

Con grande dispiacere mio e di tutta la mia famiglia, siamo coscienti che purtroppo Roberta non c’è più ma non si può attribuire un gesto malsano della ragazza a un altro essere umano che è innocente e non lo dico perché sono sua madre ma perché parlo con cognizione di causa e documenti in mano. Voglio anche dire che continueremo a credere in una giusta giustizia e non a una giustizia mediatica.

Sono cosciente che ogni giorno ci sono donne che subiscono violenze inaudite e questo non lo tollero, perché anche io, prima come donna e poi come madre di una figlia, voglio che gli assassini paghino e le donne vivano in un mondo fatto di uomini che alzano le mani solo per accarezzarle e non per farle del male. Grazie Signor Sindaco”.

Potrebbero interessarti