Home Food & Drink Esaltazione del gusto tra passato e presente a L’Agorà di Casteldaccia: la rivisitazione dei classici della tradizione

Esaltazione del gusto tra passato e presente a L’Agorà di Casteldaccia: la rivisitazione dei classici della tradizione


Redazione PL

Il menù degustazione: la rivisitazione dei classici siciliani con le ricette della nonna, Nel 1950 era un panificio, oggi un ristorante-pizzeria. Una storia lunga tre generazioni

L’amore per l’alta cucina dà vita a un percorso sensoriale coinvolgente che spazia dal passato al presente attraverso la storia della famiglia Riccobono e la cucina ricercata dello chef Giuseppe Roccaforte. La pizzeria L’Agorà nel cuore del centro storico di Casteldaccia (via Sabotino, 38) apre al ristorante, con una cucina che non lascia indifferenti.

L’Agorà amplia la proposta: ristorante dalla cucina siciliana innovativa

Stupisce, esalta, accende i ricordi dell’infanzia e guarda avanti. Il personale è attento e preparato, guidati dall’occhio vigile del maitre Salvatore Giammarresi. Una gloriosa tradizione di famiglia lunga ben tre generazioni, oggi portata avanti da Alessandra Riccobono con il supporto del padre Francesco, della madre Rosellina Cusimano e del fratello Rosario. Spinta dal desiderio di far conoscere le antiche ricette di famiglia, amplia la proposta dando vita anche al ristorante.

Il menù e le materie prime

Nel menù c’è una ricca proposta di piatti di pesce e di carne preparati con diverse tecniche di cottura che ne mantengono il gusto, la genuinità e la morbidezza. Perfino il pane viene realizzato al forno a legna seguendo la ricetta del capostipite, il nonno Rosario. La cucina è in grado di sorprendere i palati più esigenti grazie alla sapientemente combinazione tra innovazione e tradizione. Roccaforte è impegnato nella costante ricerca della perfezione. Una ricerca attenta alle tecniche di preparazione e alla selezione delle materie prime di qualità. Il nuovo ristorante punta a una rivisitazione dei classici della tradizione siciliana, ponendo grande attenzione alla sostenibilità. La materia prima diviene racconto, espressione di una cucina e di un territorio. Dall’aperitivo al dessert, passando dall’assaggio della pizza di Francesco Riccobono, il nuovo menù incanta e seduce.

Alcuni piatti all’interno della carta sono stati raccontati alla stampa in percorso sensoriale coinvolgente. Una cena dal gusto intenso e meravigliosamente bilanciato che ha messo insieme animi e passioni all’insegna del buongusto ottenendo il successo della critica. L’amuse bouche ha aperto le danze: ricottina aromatizzata, gambero rosso in purezza e caviale. Due gli antipasti: Baaria (crema di finocchio, olio extravergine d’oliva, gambero rosso) e la Parmigiana di melanzana. Lo chef reinventa con maestria il piacere di uno degli elementi iconici attraverso la melanzana, le alici marinate, l’olio extravergine d’oliva, la spuma di tuma persa. Il primo piatto rievoca i sapori di una volta: i cappellacci fatti a mano, uno per uno, esaltati dalla freschezza della bisque di scampo, la tartare di tonno e la terra di olive nere. Il secondo: trancetto di spatola nostrana con crema di cavolfiore, lenticchie di Ustica e olio di limone. La serata si è conclusa in dolcezza con éclair al mandarino tardivo d Ciaculli e il suo gelo.

L’Agorà, la storia

Nel 1950 Rosario Riccobono assieme alla moglie Vincenza Tomasello, aprono L’Agorà. Era un panificio frequentato dalla nobiltà locale, da artisti e personaggi dell’epoca, quali Leonardo Sciascia e Giovanni Castiglia. L’attività dell’antico forno a legna passa poi al figlio Francesco che nel 1999 realizza anche la pizzeria. Una gloriosa tradizione di famiglia lunga da ben tre generazioni, oggi portata avanti da Alessandra con il supporto del padre, della madre Rosellina Cusimano e del fratello Rosario. Spinta dal desiderio di far conoscere le antiche ricette di famiglia, amplia la proposta dando vita anche al ristorante. “Volevamo rivalutare i sapori del nostro territorio – racconta – attraverso le antiche ricette dei miei nonni. Perfino la pasta fresca è prodotta con le nostre mani, lo si nota dalla consistenza: è più callosa, grezza. Ha quell’effetto ruvido che permette al sugo di attaccarsi bene”. Il profumo e il sapore sono rimasti immutati nel tempo. Si respira la stessa aria nella piccola viuzza che passa dal cuore del centro storico di Casteldaccia, in via Sabotino, 38.

Rivisitazione dei classici della tradizione

Il nuovo ristorante punta a una rivisitazione dei classici della tradizione siciliana, ponendo grande attenzione alla sostenibilità. La materia prima diviene racconto, espressione di una cucina e di un territorio. La cucina firmata dallo chef Giuseppe Roccaforte ha una forte impronta territoriale che rispetta i cicli stagionali e contiene tutti i sentori della Sicilia: spaziando dal mare alla terra. Nel menù c’è una ricca proposta di piatti di pesce e di carne preparati con diverse tecniche di cottura che ne mantengono il gusto, la genuinità e la morbidezza. La scelta del vino migliore, la cura del personale come il fedelissimo maitre Salvatore Giammarresi e l’attenzione della materia prima confermano L’Agorà uno dei locali più amati e piacevoli in città, per una cena romantica, in famiglia o in compagnia di amici. Perfino il pane viene realizzato al forno a legna seguendo la ricetta del capostipite. E la pizza preparata da Francesco Riccobono, e cotta nel forno a legna, è un must: l’impasto che realizza nasce dai grani antichi siciliani e cereali moliti a pieta. E gli ingredienti sono il risultato di un’accurata ricerca. La morbidezza è data dell’idratazione dell’85/90% e a una lievitazione lunga 48 ore. La sala grande al piano superiore è in grado di ospitare 130 coperti, mentre il primo piano dedicato agli aperitivi circa 30 posti a sedere. D’estate, alle sale interne climatizzate, si aggiunge la sala esterna con 60 posti. Il ristorante-pizzeria è aperto tutti i giorni a cena, chiude solo il martedì. Imperdibile il brunch della domenica per assaporare i prodotti del territorio e della tradizione dell’Isola.

Potrebbero interessarti