Home Catania Live Favignana a lutto per la morte di Libero, il bimbo di 3 anni investito dal nonno

Favignana a lutto per la morte di Libero, il bimbo di 3 anni investito dal nonno


Redazione PL

Il sindaco Francesco Forgione ha deciso di proclamare, per la giornata del 16 marzo, il lutto cittadino.

sub

Favignana è sconvolta per la morte di Libero Caridi, il bambino di tre anni investito dal nonno nel pomeriggio di domenica 13 marzo.

Un tragico incidente accaduto nel cortile dell’abitazione in cui il piccolo viveva insieme ai genitori.  Il nonno, facendo retromarcia col suo furgoncino, non si è accorto della presenza del nipote finendo per investirlo. Per Libero non c’è stato purtroppo nulla da fare; il bimbo si è spento nel presidio ospedaliero dell’isola a seguito delle ferite riportate.

“Un tragico incidente ha colpito ieri la nostra comunità con la scomparsa del piccolo Libero. L’Amministrazione comunale e l’intera cittadinanza egadina stringono in un abbraccio i genitori Filippo e Viviana e tutti i loro cari per la tragedia che li ha colpiti. Non dimenticheremo l’allegria, la gioia e i riccioli biondi del piccolo Libero”. Così si legge sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di Favignana.

Favignana, lutto cittadino

Il sindaco Francesco Forgione ha deciso di proclamare per la giornata di domani, 16 marzo, il lutto cittadino. Una misura in linea col “sentimento di profondo cordoglio dell’intera comunità egadina”, come si legge su un altro post.

L’ordinanza, trasmessa alla Prefettura di Trapani, al Comando Stazione Carabinieri di Favignana e alla Polizia Municipale, stabilisce quindi l’esposizione a mezz’asta della bandiera sul Palazzo Comunale, listata a lutto. Si aggiunge, poi, la chiusura degli esercizi commerciali, con serrande abbassate dalle 8.30 alle 9. 30, e il divieto in tale fascia oraria di attività e comportamenti in contrasto col carattere luttuoso della giornata.

Alle 8.30 il feretro del bambino lascerà l’isola di Favignana, forse diretto verso le terre natali dei genitori, originari del Salento.

CONTINUA A LEGGERE

 

Potrebbero interessarti