Home Cronaca di Palermo Rap, si teme emergenza rifiuti: “Non rinnoveremo gli accordi sul doppio turno di e sul domenicale”

Rap, si teme emergenza rifiuti: “Non rinnoveremo gli accordi sul doppio turno di e sul domenicale”


Redazione PL

rap

“Lo avevamo annunciato e con la coerenza che ci contraddistingue ormai da anni lo abbiamo fatto, nessun rinnovo degli accordi sul doppio turno di raccolta e sul domenicale, si  approvi il bilancio consuntivo Rap 2022″. Ad affermarlo sono Dionisio Giordano segretario generale Fit Cisl Sicilia  e Vincenzo Traina segretario aziendale Fit Cisl Rap .

Senza il rinnovo degli accordi una nuova emergenza rifiuti potrebbe essere alle porte. È questo l’allarme lanciato dai sindacati che, però, potrebbero fare un passo indietro se si approva il bilancio consuntivo del 2022.

“Da parecchio tempo ci siamo sentiti stretti nella morsa tra il senso di responsabilità verso la città e il dovere di tutelare al meglio gli interessi dei lavoratori. . Con l’azienda in difficoltà economico-finanziaria, l’ultima cosa che avremmo dovuto fare era quella di appesantire ulteriormente i costi societari con accordi di secondo livello”.

Allarme nuova emergenza rifiuti

Dalla Fit Cisl aggiungono: “Contestualmente però, con la nota carenza di mezzi e personale, senza la sottoscrizione di tali accordi sindacali sul doppio turno di raccolta e sul domenicale, la già palese criticità nei servizi di raccolta in città ne avrebbe ampiamente risentito. E teniamo a precisare che siamo sempre stati sollecitati a porre la firma sugli accordi, se noi ritiriamo la firma dagli accordi gli effetti sul campo si avvertono”.

Poi  concludono: “Troppo lenta l’azione di riequilibrio dei conti dell’azienda da parte del Comune di Palermo e pur apprezzando l’impegno profuso dall’Amministrazione con in testa sindaco e vicesindaco, ci siamo stancati di proseguire con la nostra disponibilità mentre le condizioni dell’azienda rischiano di giungere ad un punto di non ritorno. Abbiamo iniziato a dialogare con il Comune nel mese di febbraio, in epoca Pef-Tari. I termini delle necessità della società erano apparsi subito chiari, siamo a fine novembre, non abbiamo prodotto neanche un’ora di protesta, ci siamo fidati, adesso esigiamo i fatti. L’approvazione del bilancio consuntivo 2022 è di massima importanza. Solo dopo infatti si potrà riequilibrare il bilancio 2023, approvare il piano industriale, assumere il personale e consentire ai 171 mezzi nuovi per la raccolta differenziata parcheggiati nell’autoparco di Partanna Mondello di concorrere a rendere finalmente più pulita questa città”. Dalla Fit concludono “A mantenimento degli impegni, il nostro lavoro aggiuntivo potrà riprendere, qualora richiesto, in attesa delle assunzioni“.  

CONTINUA A LEGGERE

Solidarietà, grande successo della Colletta alimentare in Sicilia: donate quasi 455 tonnellate di cibo

Potrebbero interessarti