Home Ambiente e tecnologia Gioco online, la rivoluzione della realtà aumentata

Gioco online, la rivoluzione della realtà aumentata


Redazione

Progetti ambiziosi, che riguardano un po’ tutti i settori tradizionali del mondo del gioco

Trasformare la cameretta dei ragazzi in un circuito di Mario Kart. Secondo il Corriere della sera, Nintendo aveva questo obiettivo, quando ha iniziato a ragionare su Mario Kart Live: Home Circuit, il prodotto, che unisce videogioco e mondo reale, grazie all’aiuto realtà aumentata. Attraverso la consolle, gli ambienti quotidiani si modificano e il gioco diventa davvero totalizzante e partecipato. Solo un esempio della rivoluzione che sta attraversando il mondo del gaming e che ha alla base la realtà aumentata o RA, una tecnologia che aggiunge informazioni, in modo da arricchire la percezione umana andando oltre le possibilità offerte dai cinque sensi.

I segreti della realtà aumentata 

La realtà aumentata, dunque, prende le mosse dalla realtà, perché la acquisisce grazie a una fotocamera e, dopo averla analizzata con degli algoritmi, fornisce informazioni o elementi grafici, attraverso i quali l’osservatore arriva ad avere una conoscenza più approfondita dell’ambiente in cui si trova. Una realtà arricchita, che si vive al 200 per cento grazie all’aiuto della tecnologia e che davvero rappresenta il nuovo obiettivo per il mondo del gaming. Non a caso, secondo una ricerca recente, sul mercato della realtà aumentata (AR) e della realtà virtuale (VR) nel 2020 sono confluiti più di 2 miliardi di dollari di investimenti.

In base a un rapporto della società di consulenza ABI Research, sono più di 1,3 miliardi di dollari i soldi spesi per finanziare società di realtà aumentata e realtà virtuale mentre altri 500 milioni di dollari sono serviti per definire accordi di fusione e acquisizione nei settori dell’hardware, software e servizi. Soldi cui vanno ovviamente anche aggiunti i fondi destinati alla ricerca e allo sviluppo di strumentazioni e applicazioni, che trasformino la scoperta scientifica in una gallina dalle uova d’oro. Perché di questo si tratta: offrire un prodotto ancora più coinvolgente, per conquistare il mercato. Che probabilmente non aspetta altro.

Coinvolgimento senza fine per il giocatore

Se si osserva la tecnologia dal punto di vista di un giocatore, del resto, è più che comprensibile. Grazie alla realtà aumentata il suo gioco non è più soltanto qualcosa di esterno, con cui interagire perché si trova dentro un telefonino, un computer o una consolle, ma diventa parte dell’ambiente in cui il giocatore si muove e consente un’interazione che coinvolge tutti i sensi e anche qualcosa in più. Per gli appassionati di gaming si tratta di un’opportunità straordinaria. Ma non solo per loro.

La realtà aumentata infatti ha molte altre applicazioni nella vita quotidiana. Ad esempio può aiutare i chirurghi a vedere letteralmente all’interno dei loro pazienti e ad operare con maggior precisione; oppure consente di proteggere i lavoratori che operano in condizioni di pericolo. Gli ambiti in cui la realtà aumentata può essere sfruttata sono molteplici e tutti da esplorare. Ma va sottolineato che un impatto importante sarà quello sul mondo del gioco online. 

La nuova rivoluzione è cominciata

In questo ambito, la realtà aumentata potrebbe rappresentare la nuova rivoluzione, dopo quella del passaggio dal gioco reale a quello virtuale. Casinò digitali sono stati un vero punto di svolta anche in Italia, dove hanno ottenuto un successo notevole. Anche grazie alla loro sicurezza, garantita dai controlli svolti in modo puntuale dalle autorità ma anche da un sottobosco di portali che informano gli utenti su qualità e affidabilità dei vari casinò.

Le piattaforme telematiche hanno cambiato l’approccio degli italiani al mondo del gioco, attraendo nuove fasce di popolazione e fornendo occasioni di svago in un momento critico come il lockdown dovuto alla pandemia di Covid. Un successo che potrebbe solo aumentare qualora si offrisse una esperienza di gioco ancora migliore, grazie alle possibilità della realtà aumentata. Le società di gioco d’azzardo digitale stanno studiando questo nuovo settore e promettono novità importanti per i loro clienti. A breve, basterà iscriversi a uno dei tanti casinò online certificati, per vivere un’esperienza totale, potenziata dalla realtà aumentata e dall’utilizzo di visori o di software pensati per aumentare la percezione di chi accetta la sfida con la Fortuna.

Anche i casinò tradizionali sono tentati dall’idea 

Progetti ambiziosi, che riguardano un po’ tutti i settori tradizionali del mondo del gioco. Ci sono sperimentazioni in atto, che dovranno sottostare alla valutazione dell’AAMS, ma che poi potrebbero diventare la novità essenziale per il gioco del futuro. Come? Con i giocatori che penseranno davvero di trovarsi altrove, in una sala giochi, anche se stanno seduti sul divano del salotto. Negli scenari che si stanno ipotizzando, poi, c’è la prospettiva di un coinvolgimento di altri clienti, quasi a voler ricreare l’unica cosa che fino ad oggi mancava nelle piattaforme online: il contatto sociale.

La realtà aumentata, però, non rappresenta la nuova frontiera solo per i casinò online, ma anche per le sale da gioco tradizionali. Per loro il 2020 è stato tragico a seguito della pandemia, ma anche in precedenza si era registrato un rallentamento nei consensi. Quindi servono nuove idee per conquistare pubblico e rimpinguare gli incassi. E la realtà aumentata potrebbe essere la risposta, se applicata soprattutto ai giochi di abilità. 

Tanti i settori da trasformare 

Un percorso tutto da analizzare. La rivoluzione nel mondo del gioco online, comunque, non sarà l’unica. Perché la realtà aumentata è una delle dieci tecnologie che cambieranno la vita nel 2020. Contribuirà a modificare la formazione scolastica, arriverà nei musei, nel mondo dell’e commerce. E ci renderà diversi, insieme ad altre rivoluzioni come quella della medicina personalizzata, della carne coltivata in laboratorio, dei materiali plasmonici o all’elettroceutica. Parole che fino a qualche anno fa sarebbero rimaste confinate dentro un film di fantascienza e invece adesso stanno diventando patrimonio comune.

Potrebbero interessarti