Home Eventi, tv e spettacolo Oggi è la Festa dei nonni 2021, ecco perché si festeggia il 2 ottobre

Oggi è la Festa dei nonni 2021, ecco perché si festeggia il 2 ottobre


Redazione

Oggi ricorre la Festa dei Nonni, una ricorrenza che esiste in tutto il mondo. In Italia si festeggia il 2 ottobre, ecco perchè

nonni

Oggi è la Festa dei Nonni 2021. Una ricorrenza che esiste in varie parti del mondo. Una figura importante, quella dei nonni. In particolare, negli ultimi anni sono diventati il pilastro della famiglia. In Italia la festa ricorre il 2 ottobre. Ma perchè si è scelta proprio questa data?

FESTA DEI NONNI, COME NASCE

La festa nasce negli Stati Uniti nel 1978 durante la presidenza di Jimmy Carter su proposta di Marian McQuade, una casalinga della Virginia Occidentale, madre di quindici figli e nonna di quaranta nipoti. La McQuade incominciò a promuovere l’idea di una giornata nazionale dedicata agli anziani nel 1970, lavorando con gli anziani già dal 1956. Riteneva, infatti, come obiettivo fondamentale per l’educazione delle giovani generazioni, la relazione con i loro nonni.
Negli Stati Uniti la festa (in inglese, National Grandparents Day) viene celebrata ogni anno la prima domenica di settembre dopo il Labor Day.
Anche la tradizione cattolica riserva ai nonni un ruolo importantissimo. Figure chiave sono infatti i santi Gioacchino e Anna, genitori di Maria e nonni di Gesù. La loro festa ricorre il 26 luglio. Anna e Gioacchino sono i patroni dei nonni. E proprio per questo, Papa Francesco ha proclamato la Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, che ricorre ogni quarta domenica di luglio in tutte le Chiese del mondo.

IN ITALIA

In Italia la Festa ricorre il 2 ottobre di ogni anno. Questa data è stata introdotta ufficialmente nel 2005 con la legge n. 159. La data del 2 ottobre coincide con il ricordo liturgico degli angeli custodi nel calendario dei Santi cattolici.
La legge istituisce anche il «Premio nazionale del nonno e della nonna d’Italia», che il presidente della Repubblica assegna annualmente a dieci anziani, in base a una graduatoria compilata dall’apposita commissione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e del Miur.

Potrebbero interessarti