Home Cronaca di Palermo Mafia, maxisequestro ai boss del Villaggio Santa Rosalia a Palermo: I NOMI

Mafia, maxisequestro ai boss del Villaggio Santa Rosalia a Palermo: I NOMI


Redazione PL

I finanzieri del comando provinciale di Palermo hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro beni per 6 milioni di euro emesso nei confronti di 8 persone accusate di essere appartenenti alla famiglia mafiosa del Villaggio Santa Rosalia e indagati per traffico di sostanze stupefacenti e per trasferimento fraudolento di valori aggravato dalla finalità mafiosa.

I provvedimenti sono stati emessi nei confronti di Giovanni Cancemi, 53 anni, Andrea Ferrante, 48 anni, Rosaria Leale, 33 anni, Francesco Maniscalco, 35 anni, Silvestre Maniscalco, 44 anni, Rosario Manno, 57 anni, Leonardo Marino, 34 anni, Salvatore Sorrentino, 58 anni.

Operazione “Villaggio di Famiglia”

La ricostruzione operata dalla Procura della Repubblica – D.D.A., accolta dal Tribunale di Palermo, si basa sugli esiti delle indagini svolte dagli specialisti del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria di Palermo – G.I.C.O. nell’ambito dell’operazione denominata “VILLAGGIO DI FAMIGLIA”, ad esito della quale lo scorso 27 giugno sono state eseguite misure cautelari personali nei confronti di 33 soggetti.

Nello specifico, gli accertamenti hanno portato a dimostrare che gli indagati e i rispettivi nuclei familiari, nell’ultimo decennio, non avevano dichiarato redditi leciti o altre forme di finanziamento capaci di “giustificare” le spese e gli acquisti nel tempo sostenuti.

I beni sequestrati

Sulla base degli elementi acquisiti, il Tribunale di Palermo ha disposto il sequestro finalizzato alla confisca “per sproporzione” dei seguenti beni:
– n. 13 immobili, di cui 9 abitazioni, 3 magazzino e un terreno;
– n. 7 attività economiche, con sede a Palermo, operanti nei settori del commercio di veicoli, del movimento
terra, del trasporto merci su strada, della preparazione del cantiere edile, dei minimercati, della produzione di
prodotti di panetteria, della ristorazione e del commercio di frutta e verdura;
– n. 6 veicoli,
per un valore complessivo di oltre 6 milioni di euro.

Potrebbero interessarti