Home Mercatini rionali: Orlando dà il via soltanto ad alcuni, ecco quali

Mercatini rionali: Orlando dà il via soltanto ad alcuni, ecco quali


Lorenzo Cascio

I mercatini che non hanno i permessi sono al momento oggetto di una valutazione attualmente in corso in quanto ritenuti non idonei per garantire il rispetto delle misure di sicurezza indicate

Il sindaco Leoluca Orlando ha firmato un’ordinanza che prevede la concessione di aprire alcuni mercatini rionali a partire dal prossimo venerdì 22 maggio, indicando le misure generali da adottare e quelle a carico del Comune e dei concessionari dei posteggi. I mercatini che godranno dei permessi per svolgere le attività commerciali saranno: Viale Vittorio il lunedì, Nina Siciliana e Uditore il venerdì. Nella giornata di sabato i mercatini di Via Paulsen, Borgo Nuovo, e Monte Pellegrino. Tutti gli altri mercati, esclusi da questa lista, non potranno svolgersi perché ritenuti logisticamente non idonei a garantire le condizioni di sicurezza.

Come già preannunciato vi saranno regole ferree che consentiranno l’apertura dalle ore 07:00 alle 14:00, ossia il rispetto del dpcm, dell’ordinanza regionale e del vademecum informativo sul commercio al dettaglio nelle aree pubbliche emanato dall’Ufficio di Gabinetto del Sindaco.

Per accedere alle aree in cui si svolgeranno le attività di commercio i clienti dovranno munirsi di mascherine protettive e guanti prima di immettersi nei varchi. Alcuni operatori del mercato metteranno a disposizione di chi ne sarà sprovvisto questi dispositivi di protezione individuale. Soltanto un numero limitato di persone, stabilito in ogni mercato, potranno accedere, fatta eccezione per i residenti nelle vie in cui si svolgono le attività. Almeno un operatore effettuerà un servizio di vigilanza in ogni varco aperto, al fine di controllare eventuali assembramenti, insieme alle associazioni di volontariato, reclutate dal servizio di protezione civile. E’ bandita la vendita dei beni usati.

MISURE A CARICO DEL COMUNE

E’ competenza dell’amministrazione comunale, attraverso la Rap e la Reset, chiudere con transenne, nastro segnaletico bicolore o altri strumenti idonei i varchi di accesso all’area mercatale dalle 07:00 alle 14:00. Verranno installati dei cartelli all’ingresso, in lingua italiana e inglese, contenenti le misure da seguire e rispettare. Regole che verranno anche ripetute con la diffusione di un appello sonoro dalla Protezione Civile.

MISURE A CARICO DEI COMMERCIANTI

Gli operatori dovranno effettuare una pulizia e igienizzazzione quotidiana delle attrezzature prima dell’apertura del mercato e mantere un distanziamento sociale di almeno un metro anche nelle fasi di carico e scarico. In ciascun posteggio potranno essere presenti massimo due unità e utilizzare mascherine e guanti (se vengono venduti generi alimentari). Tra i banchi di vendita dovrà essere garantita una distanza minima di 2 metri, se non in presenza di appositi separatori. L’operatore dovrà esporre obbligatoriamente le autorizzazioni in suo possesso.

Durante l’attività di vendita, ogni operatore commerciale dovrà provvedere a tenere distanziati i clienti dal banco e fra di loro anche apponendo apposita segnaletica o nastro, segnalando con immediatezza il formarsi di eventuali assembramenti, adoperandosi per la dispersione. In ogni banco dovranno essere messi a disposizione prodotti igienizzanti per le mani e ampia accessibilità ai sistemi per la disinfezione. Saranno preferiti forme di pagamento elettroniche. Nella vendita di capi di abbigliamento dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso. Sarà vietato il transito all’interno del mercato di operatori al fine di incentivare le vendite.

SANZIONI

Dal Comune è stato reso noto che i mercati potranno essere chiusi, in parte o totalmente, in qualsiasi momento dalla Polizia e in mancanza del rispetto delle normative, oltre a irrogare sanzioni. Nello specifico la Polizia Municipale, in diversi orari, effettuerà rigidi controlli. I casi di inosservanza verranno puniti, “salvo che il fatto costituisca reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 3.000…”; per gli operatori commerciali “… si applica altresì la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.  …  In caso di reiterata violazione della medesima disposizione la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Topi e discariche a cielo aperto allo Zen: lo sfogo di un cittadino