Home Dal resto della Sicilia Morte studente di Marsala, l’autopsia: “Nessuna lesione da terzi”

Morte studente di Marsala, l’autopsia: “Nessuna lesione da terzi”


Redazione PL

Disposti accertamenti informatici sul computer e sullo smartphone della vittima

studente

Le indagini sulla morte di Francesco Pantaleo, studente di 23 anni di Marsala, vedono adesso l’arrivo dell’esito dell’autopsia. Il ritrovamento del corpo, carbonizzato, del giovane è avvenuto il 25 luglio in un campo incolto alle porte di Pisa, nella località di San Martino Ulmiano.

I carabinieri spiegano: “L’autopsia ha confermato che il cadavere non presenta lesioni attribuibili ad azioni di terzi. Per gli altri quesiti, tra cui la presenza di monossido di carbonio nei polmoni, i medici legali si sono riservati, essendo necessarie valutazioni più approfondite”.

L’esame autoptico è stato condotto per tre giorni consecutivi. Il corpo dello studente si trovava a più di 5 chilometri di distanza dall’appartamento in cui il ragazzo viveva a Pisa, con due coinquilini.

La procura ha aperto un fascicolo contro ignoti ipotizzando il reato di istigazione al suicidio. Disposti inoltre accertamenti informatici sul computer e sullo smartphone della vittima. Lo scopo è quello di giungere ad informazioni che possano far comprendere le ragioni dietro questa morte. Francesco frequentava a Pisa il corso di laurea di Ingegneria informatica ed era in ritardo con gli studi ad insaputa della famiglia.

Potrebbero interessarti

Palermo Live
Giornale online con notizie riguardanti la città di Palermo