Home Cronaca Morto il professor Pietro Cerami: una vita all’insegna della ricerca

Morto il professor Pietro Cerami: una vita all’insegna della ricerca


Gina Lo Piparo

Amava l'insegnamento ma anche, e soprattutto, la ricerca: il ricordo di Pietro Cerami attraverso le parole del nipote Francesco

Pietro Cerami

Si è spento a Palermo all’età di 83 anni, dopo una vita dedicata alla ricerca scientifica e all’insegnamento, concepito quasi come una missione etica. Pietro Cerami è stato uno dei più grandi studiosi di Storia del Diritto romano. Autore di numerose pubblicazioni accademiche, era stato Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Ateneo palermitano dal 1994 al 2001.

Pietro Cerami, insegnante rigoroso e ricercatore appassionato

“Era una persona che ha fatto della coerenza la propria bandiera, il che non sempre lo ha reso simpatico a tutti”, racconta il nipote Francesco Cerami. “Una persona molto schietta, onesta, coerente. Uno che ha sempre lottato contro baronaggi e raccomandazioni”.

Era il 1970 quando il professor Cerami aveva iniziato la propria carriera all’interno dell’Università di Palermo.

“Viveva per il piacere della ricerca tant’è vero che, pur essendo in pensione da anni, continuava a scrivere e condurre i suoi studi”. Un “accademico puro”, insomma, che rivestiva il ruolo di docente universitario non per l’interesse di una posizione prestigiosa, ma per la profonda passione verso lo studio scientifico. Una passione che lo aveva portato, vincitore del concorso a cattedra, persino a rinunciare all’insegnamento al liceo.

Studioso instancabile e attento, fino agli ultimi giorni di vita si è dedicato al Diritto romano. Insegnante rigoroso, intendeva le prove d’esame come manifestazione delle competenze acquisite.

Ne faceva una questione di etica. Diceva, inflazionare le carriere vuol dire fare un dispetto a chi studia sul serio, fare un dispetto agli avvocati bravi. Bisogna essere onesti nella valutazione anche a costo di essere antipatici, perchè “regalare” vorrebbe dire svantaggiare chi ha studiato veramente”. Il che non significava, ovviamente, non aiutare chi ha bisogno di una mano per esprimere il proprio potenziale. Era piuttosto un opporsi a quel buonismo nocivo che danneggia infine la comunità tutta.

Una carriera accademica eccelsa

Pietro Cerami ha insegnato diverse discipline all’Università di Palermo: Storia del Diritto romano, Istituzioni di diritto romano, Diritto romano, Diritto pubblico romano, Diritto commerciale romano, Diritto comune, Diritto canonico.

Presidente del Consiglio Corso di Laurea e successivamente Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Pietro Cerami era Componente del Comitato Direttivo Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali G. Scaduto, dell’ARISTEC (Associazione Internazionale per la ricerca giuridica, storica e comparatistica) e del Comitato Scientifico Internazionale del Consorzio “Gérard Boulvert”.

Per diversi anni era stato anche Coordinatore del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in “Fondamenti del diritto europeo e metodologia comparatistica” e componente del Collegio dei Docenti del Dottorato di ricerca in Discipline romanistiche e del Dottorato di Ricerca di Diritto Comparato dell’Università di Palermo.

Potrebbero interessarti