Home Eventi, tv e spettacolo “Un mare d’Unione”, a Palermo ciclo di incontri presso il Nautoscopio

“Un mare d’Unione”, a Palermo ciclo di incontri presso il Nautoscopio


Marianna La Barbera

Un progetto didattico che mette insieme cultura, aggregazione e momenti ludici

Inclusione sociale e tutela dell’ambiente sono i temi protagonisti del progetto “Un mare d’Unione” promosso dall’ associazione “Sant’Erasmo Nautilus ” con il sostegno del Movimento Cristiano Lavoratori.
Un’ azione di natura didattica articolata in quattro incontri tematici dedicati al fascino dell’universo marino.
Gli appuntamenti, tutti mattutini, avranno la durata di quattro ore circa e si terranno a Palermo dal 22 giugno al 1 luglio prossimo.
Ad ospitarli, sarà il Nautoscopio, rinomata struttura ricettiva che si affaccia sul golfo di Palermo, in prossimità del Porto della Cala, al Foro Italico.
Nello specifico, il ciclo di iniziative prevede quattro date: martedì 22, giovedì 24, martedì 29 giugno e giovedì 1 luglio.

SANT’ ERASMO E MCL INSIEME PER PROMUOVERE LA CULTURA DEL MARE

Il progetto è stato voluto fortemente dal presidente della onlus Santi Gatto e sostenuto dal segretario provinciale di MCL Giuseppe Gennuso.
L’ idea fondante è quella del mare come luogo ricreativo, culturale e di inclusione.
Una visione nuova e libera dai condizionamenti propri della società attuale.
L’ obiettivo è gettare le basi per la creazione di una “Scuola di Mare” per condividere esperienze, studi e momenti ludici.
Il tutto, senza alcuna preclusione di genere o abilità.

I DESTINATARI DEL PROGETTO

Gli incontri si rivolgono a un pubblico di fascia anagrafica compresa tra i quattordici e i venti anni.
Gli argomenti trattati e le esperienze condivise si prestano a una gestione univoca, malgrado l’estrazione eterogenea dei partecipanti.
Non a caso, gli argomenti da approfondire afferiscono alla bellezza e al valore del paesaggio marino, ai tesori e alla fauna costieri.
Spazio anche alle riflessioni sugli effetti negativi procurati dall’incuria per l’ambiente marino e sul ruolo delle Riserve Marine e alla conoscenza dei rudimenti della navigazione e dell’arte marinaresca.

I RELATORI

Un parterre prestigioso, con nomi autorevoli e qualificati.
Tra i relatori, figurano Gabriella Monteleone, Stefano Vinciguerra e Nicolò Bruno della Soprintendenza del Mare, il naturista Giacomo Buffa, la psicologa clinica Carla Noto e Mauro Sinopoli della Stazione Zooologica “Anton Dohrn”.
E ancora, l’ammiraglio Vincenzo Pace, l’esperto subacqueo Francesco Landini , il biologo marino Silvano Riggio, il presidente WWF Sicilia Nord Pietro Ciulla e la neurologa Rosanna Castiglia.

Potrebbero interessarti