Home Catania Live Non accetta la relazione del figlio e sequestra la fidanzatina: pregiudicato in arresto ad Alcamo

Non accetta la relazione del figlio e sequestra la fidanzatina: pregiudicato in arresto ad Alcamo


Redazione PL

L'uomo avrebbe più volte minacciato di morte i due giovani

bagheria

Arrestato ad Alcamo, in provincia di Trapani, un pregiudicato di 39 anni accusato di sequestro di persona. A rivolgersi ai Carabinieri è stato il figlio 18enne dell’uomo, che ha denunciato che il padre, al fine di ostacolare la sua relazione sentimentale con una ragazza alcamese, avrebbe ripetutamente minacciato di morte entrambi.

Sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Trapani, sono dunque partite le indagini. Nel corso di queste ultime l’uomo è stato rintracciato alla guida della sua auto con a bordo la fidanzata minorenne del figlio.

Da una prima ricostruzione, pare che mentre il figlio era in caserma per la denuncia, il padre si sia recato in casa della fidanzatina per minacciarla di morte. Le avrebbe contestualmente sottratto il telefono. Successivamente, con ulteriori minacce sia alla giovane che alla madre, l’avrebbe costretta a seguirlo in macchina impedendole di scendere. L’uomo avrebbe anche telefonato al figlio, dicendogli che la ragazza era con lui e che non l’avrebbe più rivista.

I gravi indizi di colpevolezza emersi a carico del 39enne hanno portato all’arresto. L’uomo è stato prima portato al carcere “Pietro Cerulli” di Trapani, su disposizione del sostituto procuratore della Procura della Repubblica del tribunale di Trapani. In sede di udienza di convalida, valutato lo stato delle indagini, il gip ha stabilito gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Le indagini intanto proseguono per cercare di ricostruire nei dettagli la vicenda. L’indagato e destinatario della misura restrittiva è, allo stato, solamente indiziato di delitto, pur gravemente. La sua posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di innocenza.

CONTINUA A LEGGERE

Calci e pugni a steward dello stadio: padre e figlio in arresto in occasione di Palermo-Padova

 

Potrebbero interessarti