Novità per le elementari: visiere protettive invece che mascherine

È molto probabile che i bambini delle scuole dell'infanzia e delle primarie saranno dotati di visiere invece che di mascherine. Lo ha detto l'assessore all'istruzione Lagalla

A settembre, quando riapriranno le scuole, ci potrebbe essere una novità rivoluzionaria per i bambini e le bambine delle elementari: si sta studiando la possibilità di fare indossare agli studenti più piccoli visiere trasparenti protettive al posto delle mascherine. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla, rispondendo ad una proposta avanzata dal capogruppo dell’Udc all’Ars Elena Lo Curto. La deputata regionale ritiene che la visiera «rende possibile una maggiore integrazione, sociale, ed aiuta lo sviluppo dell’empatia tra i piccoli». Inoltre a suo avviso ci sarebbero anche benefici economici. «Le visiere ─ sostiene la Lo Curto ─, sono dispositivi di lunga durata, e garantiscono la sicurezza sanitaria».

LA RISPOSTA DELL’ASSESSORE

Roberto Lagalla, assessore all’Istruzione, ha risposto alla proposta della Lo Curto. Ed ha ammesso che «sussiste l’obiettiva necessità di mettere a disposizione degli studenti strumenti di protezione idonei a garantire il sicuro e sereno svolgimento delle attività didattiche. Ha continuato dicendo: «In merito alla necessità di prestare particolare attenzione agli alunni più piccoli, sono d’accordo con l’onorevole Lo Curto. Occorre fornire dispositivi tollerabili e compatibili con il loro sviluppo psico-relazionale. Adotteremo quindi le misure più adeguate per tali esigenze. Al riguardo, sottoporremo la proposta alla valutazione della task-force che, su impulso del presidente Musumeci, abbiamo appena istituito per programmare le modalità di ripresa delle attività didattiche». Stando così le cose, è prevedibile che nel prossimo anno scolastico alle elementari si vedranno i piccoli studenti con le visiere.