Home Cronaca di Palermo Palermo, doppi turni alla Scuola Franchetti: disagi per studenti e famiglie

Palermo, doppi turni alla Scuola Franchetti: disagi per studenti e famiglie


Redazione PL

Lucia Bonaffino, responsabile Scuola del PD Unione Provinciale di Palermo: "Servono buone volontà per reperire 7 aule. Non sottovalutare il disagio psicofisico dei ragazzi"

scuola

Arrivano i doppi turni per gli studenti della Scuola media Raimondo Franchetti di Palermo. Una soluzione determinata dai lavori di ristrutturazione dell’edificio principale dell’istituto, sito in via Amedeo D’Aosta, a Romagnolo.

Dopo numerose riunioni tra Comune e genitori degli alunni, si è riusciti a trovare soluzione per 14 classi. In particolare, a novembre, sei classi sono state trasferite nel plesso Picciotti della Direzione didattica Nazario Sauro; tre alla media Don Milani; cinque in via Maione da Bari in un locale affittato con i fondi dell’emergenza Covid. Per altre 7, rimaste finora in sede, non sono state trovate invece aule disponibili nella zona della Seconda Circoscrizione.

A partire dal 28 febbraio, dunque, inizieranno i doppi turni. In particolare, 7 classi alla volta, in turni da tre settimane, seguiranno le lezioni pomeridiane nel plesso di Viale dei Picciotti della scuola Sauro e in quello di via Maione da Bari. Tanti i disagi non solo per i ragazzi ma anche per le loro famiglie, tanto più per quelle in cui entrambi i genitori lavorano.

Palermo, disagi alla Scuola Franchetti

Sulla questione è intervenuta la responsabile Scuola del PD Unione provinciale di Palermo Lucia Bonaffino, che segue da vicino l’odissea di alunni, genitori e docenti.

“Ben 140 ragazze e ragazzi per volta – dichiara Bonaffino – saranno costrette/i a frequentare le lezioni al pomeriggio in turni di tre settimane. Proprio adesso che, grazie al calo dei contagi e all’avvicinarsi della primavera, sarebbe possibile e opportuno trascorrere il tempo libero all’aria aperta, riprendere le attività sportive e una vita dai ritmi normali, dopo ben due anni di pandemia. Non si sottovaluti il disagio psico-fisico che vivranno gli studenti. I genitori, supportati anche dai pareri dei pediatri, auspicano che la dirigenza riveda l’organizzazione dei doppi turni e li riduca dalle tre settimane a due per una maggiore sostenibilità e una equa condivisione dei disagi”

“Serve una mobilitazione e un appello alle buone volontà per reperire 7 aule. Il diritto allo studio, sancito dalla nostra Costituzione, si declina nella garanzia da parte di tutti gli Enti e tutte le Istituzioni delle condizioni concrete per la serena e proficua frequenza delle attività didattiche da parte dell’utenza scolastica, che, mentre l’Italia si prepara a riaprire, va incontro ad una nuova chiusura”.

palermo
 Lucia Bonaffino, responsabile Scuola del PD Unione provinciale di Palermo

Potrebbero interessarti