Home Eventi, tv e spettacolo Palermo esotica, dal Parco d’Orleans al palmento di Villa Bonanno

Palermo esotica, dal Parco d’Orleans al palmento di Villa Bonanno


Marianna La Barbera

L'itinerario, in programma per domenica 15 maggio, è un'occasione per riscoprire il patrimonio storico cittadino dei giardini e della botanica del passato

Palermo esotica: dal Parco d’Orleans al palmento di Villa Bonanno“: è il titolo della nuova iniziativa a cura dell’associazione culturale In Itinere.
Un’esperienza che condurrà i visitatori attraverso un viaggio dentro la botanica del passato fino a oggi.
Il percorso, in programma domenica 15 maggio, è un’occasione per riscoprire il patrimonio storico cittadino dei giardini e delle ville.
E, con essi, le specie arboree esostiche importate dal Mediterraneo, oggetto di ammirazione e di studio ed emblema del potere e dello sfarzo di un tempo.

IL PARCO D’ORLEANS

L’itinerario prende il via dal Parco d’Orleans, emblema di un’epoca ormai lontanissima.
Creato nel 1797 da Ferdinando IV di Borbone, divenne luogo di ricerca botanica per specie di origine esotica.
Dal 1810 al 1814 l’adiacente edificio fu la residenza di Luigi Filippo d’Orléans in esilio, futuro re di Francia.
Nel 1955 la Regione Siciliana acquistò il Palazzo, sede della Presidenza.

VILLA BONANNO

Il nucleo più antico di Palermo, risalente all’età punica, è il luogo dove sorge Villa Bonanno, in piazza della Vittoria.
Passando da Porta Nuova, i partecipanti si ritroveranno dinanzi al palmento antistante il Palazzo Reale.
Uno spazio verde dove si conservano anche alcuni piccoli tesori d’arte e di architettura, che spuntano nascosti tra le siepi e sotto gli alti fusti che coprono, appunto, l’area pubblica di Villa Bonanno.
Una vegetazione che rimanda a uno scenario africano.
Inaugurata nel 1905, la Villa  – intitolata al palermitano Pietro Bonanno,  deputato del Regno d’Italia dal 1892 al 1905 – sorge  nell’area un tempo denominata “Piano del Palazzo”.
Si trova, infatti, di fronte al lato orientale del Palazzo dei Normanni, sede del Parlamento siciliano.
Prese il nome di piazza della Vittoria in ricordo della vittoriosa insurrezione antiborbonica del 17 luglio 1820.
Nella parte più bassa rimangono i resti del successivo periodo romano: si tratta di importanti abitazioni risalenti al primo secolo dopo Cristo, che raccontano una città  antichissima.
Il percorso è un omaggio ai luoghi pubblici che, immersi nel colore dominante del verde, restituiscono un quadro urbano denso di storia.
Un racconto di epoche e vicende lontane, legate alle passeggiate, ai momenti di svago e ai luoghi di incontro, socialità e aggregazione.

INFORMAZIONI SULL’ ITINERARIO

Il raduno dei partecipanti è fissato per le 10:45 all’ingresso del Parco d”Orleans.
Il percorso – facile e adatto ai bambini – si concluderà a Villa Bonanno.
La durata prevista è di un’ora e trenta minuti.
Possibile posteggiare in piazza Indipendenza, corso Calatafimi e via Ernesto Basile.
L’itinerario guidato prevede una quota di adesione di dieci euro, inclusiva di audio guida amplificata, visita con guida turistica abilitata e degustazione.
La prenotazione è obbligatoria, fino al raggiungimento del numero consentito.
Per effettuarla, è possibile contattare il numero 393. 6655232 oppure inviare una mail a [email protected]

 

Potrebbero interessarti