Home Politica Palermo, il Consiglio Comunale approva Bilancio consolidato 2022

Palermo, il Consiglio Comunale approva Bilancio consolidato 2022


Redazione PL

seduta

Il Consiglio Comunale di Palermo ha approvato il Bilancio consolidato 2022. Un atto che rappresenta l’ultimo di una lunga serie di delibere approvate in tema finanziario. Venti i voti favorevoli, sei gli astenuti. Con il via libera di quest’ultimo atto si sbloccano le assunzioni di nuovi funzionari e investimenti.

Soddisfatto il sindaco Lagalla: “Con l’approvazione in Consiglio comunale del Bilancio consolidato 2022 si chiude il cerchio di un lavoro intenso e senza sosta che questa amministrazione in un anno e mezzo ha portato avanti per rimettere in ordine i conti del Comune, senza Bilanci da oltre tre anni. 

Un lavoro di grande importanza per il quale ringrazio il vicesindaco e assessore al Bilancio Carolina Varchi e gli uffici della Ragioneria. Adesso abbiamo un nuovo strumento per programmare, gestire e controllare l’attività svolta dall’Ente e dalle sue aziende partecipate. Inoltre, il Bilancio consolidato sblocca nuove assunzioni di funzionari e altre procedure di stabilizzazione del personale”.

L’approvazione in Consiglio comunale del Bilancio consolidato è una notizia importante per la città di Palermo. Con questo voto si compie, di fatto, l’ultimo passo necessario per la messa in sicurezza dei conti del Comune. Conti che abbiamo ereditato in gravi condizioni e che abbiamo rimesso a posto con un lavoro incessante, iniziato fin dal giorno del nostro insediamento. Voglio ringraziare il sindaco Lagalla per avermi affidato in questo anno e mezzo le delicate deleghe del Bilancio e delle Partecipate, la Ragioneria generale e gli uffici di mia diretta collaborazione senza i quali non avremmo mai centrato un risultato così straordinario”. Lo dichiara Carolina Varchi, vicesindaco di Palermo.

Al voto di oggi – prosegue – per il quale ringrazio i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, si arriva dopo una serie di atti che hanno creato le condizioni non solo per un ritorno alla normalità, ma anche per consentire nuovi investimenti per la città, per intervenire su diverse emergenze e riaprire alle assunzioni. All’approvazione del Consolidato si arriva infatti dopo la firma di ben dieci bilanci, oltre al piano di riequilibrio e all’accordo con lo Stato rinegoziato. Un lavoro di cui vado fiera – conclude Varchi – e che consentirà alla mia città di crescere ancora e di migliorare i servizi per i cittadini”.

Attacco dell’opposizione

È vergognoso che la maggioranza di centrodestra non garantisca la presenza in aula neppure per l’approvazione del bilancio consolidato.

È grazie alla presenza dell’opposizione che il consiglio comunale approva l’atto, utile a sbloccare, le assunzioni, le stabilizzazioni dei lavoratori LSU e la trasformazione da part time a full time dei dipendenti comunali di categoria D, che secondo la direttiva del Sindaco doveva avvenire già entro il 30 settembre scorso.

Abbiamo chiesto un confronto in aula con il Sindaco, sulla prospettiva delle società partecipate che offrono servizi alla città, facendo nostre le preoccupazioni dei lavoratori e delle lavoratrici in relazione alle paventate privatizzazioni ed esternalizzazioni annunciate tra le righe da Lagalla. È necessario migliorare i servizi alla città, a partire dallo smaltimento dei rifiuti e dall’illuminazione pubblica, valorizzando il patrimonio di professionalità e competenza di cui le partecipate rispondono». Lo dichiarano i consiglieri di Progetto Palermo, Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Oso e Gruppo Misto.

LEGGI ANCHE:

La Regione boccia il bilancio consolidato, bloccate tutte le assunzioni

Potrebbero interessarti