Home Politica Nuovo ingresso in Giunta Orlando, Toni Costumati assessore al Patrimonio

Nuovo ingresso in Giunta Orlando, Toni Costumati assessore al Patrimonio


Affiance Service

Per lui un'esperienza da segretario provinciale del PD nel 2019. Separata la delega al Bilancio, che andrà a Sergio Marino.

Toni Costumati

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha presenziato alle 15:00 alla conferenza stampa per proclamare il nuovo nome che farà ingresso in Giunta.

Come vi avevamo preannunciato, si tratta di Toni Costumati, ex consigliere comunale ed ex segretario provinciale del PD nel 2019. Il nuovo membro dell’esecutivo entra in Giunta in quota Italia Viva.

COSTUMATI IN QUOTA ITALIA VIVA

Il primo cittadino, esponendo la nuova nomina, ha esplicato una divisione fra le deleghe al bilancio e al patrimonio.

“Mi è sembrato che fosse giunto il Governo per un completamento della squadra di Giunta della città, dopo le dimissioni dell’ex assessore D’Agostino. Da allora ho trattenuto queste deleghe (bilancio e servizi cimiteriali), attuando delle ordinanze per affrontare le emergenze. Introdurrò una separazione fra bilancio e patrimonio. Ho chiesto quindi di sostenere il nome di Tony Costumati, che ha trovato il sostegno di Italia Viva ma anche vivo, vista la nostra storia comune”.

La delega al Bilancio e alla gestione di Rap andrà a Sergio Marino, già presente nell’alveo esecutivo della Giunta e che si è già occupato del tema. A Costumati andranno invece le deleghe al Patrimonio e ai Servizi Cimiteriali, anche se quest’ultimi il primo cittadino ha dichiarato che “nel documento di delega verrà ribadito che la responsabilità politica sui cimiteri rimane in capo al sindaco, con la coadiuvazione di un pool“.

LE PRIME PAROLE DI TONI COSTUMATI

Toni Costumati ha poi pronunciato le sue prime parole da assessore.

“Devo ringraziare la disponibilità del gruppo di Italia Viva a cui faccio riferimento, in particolare a Davide Faraone, e al sindaco Leoluca Orlando. Le deleghe che mi sono attribuite sono certamente impegnative. Cercherò di attivare tutte le mie competenze, in quanto conosco bene la macchina comunale. Spero di potermi raccordare quanto prima con dirigenti e funzionari”.

“Mi propongo, per il bene di questa città, di attivare tutte le relazioni per provare ad accendere i riflettori su questa città. Per il resto sono pronto a dare il mio contributo, per rispettare il mandato assegnato alla Giunta nel 2017 ed arrivare tutti insieme al 2022”.

GLI AUGURI DEL MOVIMENTO 5 STELLE CON UNO SGUARDO AL PASSATO

Il primo commento politico alla nomina di Toni Costumati arriva dalla capogruppo del Movimento 5 Stelle Viviana Lo Monaco che, augurando buon lavoro al nuovo membro della Giunta Orlando, ricorda gli errori commessi a suo giudizio in questi anni.

“Nell’augurare buon lavoro al neo Assessore Costumati, non possiamo non evidenziare come nel tempo l’amministrazione comunale abbia sottovalutato e sottoutilizzato l’immenso Patrimonio del quale avrebbe di certo potuto disporre in modo più efficiente. Le storie di immobili occupati, abbandonati, non messi a reddito, né resi disponibili alla collettività sono ormai diventate sintomatiche di una gestione approssimativa e poco oculata dei beni pubblici. Consideriamo comunque un segnale positivo quello di un’assunzione di responsabilità politica, rimandando le ulteriori considerazioni alla prova dei fatti dei prossimi mesi”.

Viviana Lo Monaco si focalizza poi sull’attribuzione della delega al Bilancio all’assessore Sergio Marino.

“Rileviamo poi come abbia un sapore ancora più ambizioso la scelta del Sindaco di assegnare la delega al Bilancio, rimasta anch’essa vacante da mesi, a Sergio Marino, in aggiunta alle altre di sua competenza. Sappiamo ormai molto bene come i conti del Comune di Palermo non siano affatto in ordine, messi in affanno dal fenomeno patologico dei debiti fuori bilancio, dagli eccessivi costi dei fitti passivi, dai disallineamenti e perdite delle società partecipate, per non parlare della scarsa capacità di riscossione delle entrate, che da sempre caratterizza il Comune di Palermo. Anche in questo caso, un in bocca al lupo è d’obbligo!”.

Potrebbero interessarti