Home Cronaca di Palermo Palermo, rete di spaccio al Capo: i nomi dei condannati

Palermo, rete di spaccio al Capo: i nomi dei condannati


Redazione PL

I malviventi erano stati arrestati nel 2020 nell'ambito dell'operazione Palermo "Curcuma" volta a smantellare base di spaccio droga al Capo

arrestati operazione game over condanne definitive gioco

Erano stati arrestati nel settembre 2020 nell’operazione antidroga dei carabinieri del comando provincia di Palermo “Curcuma” con cui è stata smantellata una base di spaccio di droga nel quartiere Capo.

FINO A 20 ANNI DI RECLUSIONE

Il gup del tribunale di Palermo Stefania Brambille ha condannato Benito Miccichè, 35 anni, a 20 anni di reclusione, Vincenzo Miccichè, 29 anni, 8 anni e un mese di reclusione, Emanuele Miccichè, 23 anni, a 8 anni e sei mesi di reclusione, Mauro Miccichè, 22 anni, dieci anni e un mese di reclusione, Daniele Garofalo, 22 anni, a 17 anni di reclusione e 5 mesi di reclusione, Francesco Paolo Cusimano, 43 anni, a 20 anni di reclusione, Davide Mirabile, 38 anni, 17 anni e mesi di reclusione, Mario Presti, 30 anni, a 14 anni di reclusione e 8 mesi di reclusone, Cristian Paolo Silvestri, 22 anni, a 12 anni e 3 mesi di reclusione, Alessio Spina, 26 anni, 10 anni e 2 mesi di reclusione.

L’ORGANIZZAZIONE

Secondo quanto accertato dai carabinieri della compagnia Palermo Centro che hanno condotto le indagini tra giugno e novembre del 2018, le vedette tenevano sotto controllo le strade per segnalare l’arrivo delle forze dell’ordine, i pusher invece attendevano i clienti ai quali bastava un cenno per farsi portare la loro dose. Gli arrestati erano accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti. Il gruppo poteva contare su una schiera di vedette e pusher che lavoravano con turni serrati per non lasciare vuoti e perdere clienti. Durante le indagini i militari hanno individuato diversi magazzini e garage vicini alle piazze di spaccio, riconducibili ai membri dell’organizzazione, dove nascondere lo stupefacente. L’organizzazione spacciava la droga anche a ridosso di diversi istituti scolastici del quartiere Capo.

Potrebbero interessarti