Home Sport Pallavolo, la Pharmap Saber Palermo vuole replicare

Pallavolo, la Pharmap Saber Palermo vuole replicare


Marco Lombardo

La promozione in serie A sfumata per un soffio, tanti giovani di belle speranze. Il gruppo di Ferro prova a bissare le strabilianti prestazioni dell’ultima stagione interrotta in anticipo

Il Covid li aveva consacrati secondi nel loro girone. Poi la proposta e il solletico di andare d’ufficio addirittura in A3, sogno sfumato per i costi ingenti da sostenere per una società che vive di contributi e del sostegno di alcuni storici sostenitori economici, non certo sufficienti per affrontare campionati di questo calibro. Quest’anno maniche rimboccate per tentare di replicare una stagione sensazionale ed inaspettata. E’ l’identikit sommario della Pharmap Saber Palermo, all’anagrafe Volo International; si parla di B maschile e del primato di essere l’unica società ambasciatrice a rappresentare la città in un campionato nazionale (da un lato un vanto, dall’altro desolante vista la grandezza di un territorio come Palermo). Fa compagnia solo il Caffè Trinca Palermo in ambito femminile, che di categoria occupa la B2.

«Ripartiamo e non vedo l’ora perché ho un gruppo di giovani che ha tanta voglia di allenarsi, di imparare e che ho visto crescere in modo esponenziale in questi mesi». Nicola Ferro, l’allenatore della squadra, traccia un bilancio e aiuta a scattare un’istantanea del team che gestisce per il settimo anno consecutivo alla corte del presidente Locanto.

Per lui questo sarà il primo anno in panchina da primo allenatore, ma solo sulla carta, perché sostanzialmente ha sempre gestito la squadra come punto di riferimento per le squadre della Volo. «Grazie al conseguimento del tesserino di terzo grado e con le deroghe federali, la società è alla ricerca di un secondo allenatore», afferma l’ex giocatore di serie A.

E Fabio Giarrusso? «Fabio non mi affiancherà, ha fatto altre scelte e per quel che so ha preferito non continuare il rapporto con la società. Personalmente ho un ottimo rapporto con lui».

Continuando con la squadra, lo zoccolo duro è stato praticamente confermato in blocco, con un paio di movimenti sia in entrata che in uscita.

Scambio di palleggiatori con il Volley Club Leoni: mentre Giovanni Arena raggiunge la serie C di Pippo Gennaro, Fulvio Russo diventa il secondo alzatore della squadra di Ferro in B.

Gli opposti, se non si attraggono, si cambiano. E’ il caso di Edoardo D’Ambrogio che va a Termini, sostituito da Giuseppe Bonanno, prodotto del vivaio della compagine palermitana. Davide Speziale, il centrale dall’alto dei suoi 198 centimetri, si trasferisce a Catania.

C’è una trattativa con Nicola D’Andrea, centrale messinese che per motivi di studio e lavoro sarà a Palermo. La novità sarà l’innesto del sedicenne Giuseppe Ferro, che giocherà contemporaneamente in prima e seconda squadra, così come Dario Runfola. Da Brolo, invece, arriva Salvatore Mastrolembo, aggregandosi al reparto dei tre liberi a disposizione della squadra.

Quali sono le favorite? Per quello che abbiamo potuto assistere nella fase estiva, vedo bene la solita Letojanni ma anche Lamezia Terme”. Ferro non si sbottona, vuoi anche per scaramanzia, ma la sua squadra sarebbe tra le candidate di diritto.

Gli obiettivi?L’anno scorso era tutto un’incognita: gruppo nuovo, giovane, per la prima volta insieme. Puntavamo ad un campionato di assestamento e di valutazione, n’è venuto fuori – fino a febbraio, ndr – un capolavoro ed una squadra ad un passo dal vertice della classifica. Abbiamo battuto finanche la titolata Letojanni. Quest’anno vogliamo ripetere quanto di buono fatto”.

E dunque, la Pharmap Saber Palermo che affronterà Bronte fuori casa il prossimo 7 novembre nella prima di campionato sarà composta da Pierpaolo Costanzo e Fulvio Russo (palleggiatori); Fabian Gruessner e Giuseppe Bonanno (opposti); Marco Lombardo, Nicola Atria, Paolo Laudicina e Giuseppe Ferro (schiacciatori); capitan Giovanni Blanco, Mhamed Banaouas e Nicola D’Andrea (centrali); Marco Sutera, Dario Runfola e Salvatore Mastrolembo (liberi).

Infine, uno spazio per il settore giovanile. “La nostra serie C, autentica seconda squadra e serbatoio dell’ammiraglia, è un progetto rivolto agli under 17 e 19 in un’ottica di crescita. C’è una collaborazione con il Don Orione in tema di giocatori, e sarà allenata da Domenico Cipolla. Puntiamo a fare bella figura nei campionati di categoria: ne è prova l’accordo con Brucia, che giocherà sì con la C di Partinico, ma fare i campionati under con noi”.

Potrebbero interessarti