Il Parco D'Orleans accoglie un nuovo esemplare di fenicottero rosa

Durante il giro di perlustrazione il personale del parco ha assistito alla nascita del pulcino nato in cattività

È nato. Un nuovo esemplare di fenicottero rosa (phoenicopterus roseus) è venuto al mondo all'interno del Parco Orleans, adiacente alla sede del Parlamento regionale. Il pulcino è il primo nato in cattività, un evento del tutto inconsueto. In realtà, però, la Sicilia, da anni ormai, è una delle regioni italiane con il maggior numero di presenze di questa tipologia di volatili.

La scoperta dell'esemplare è avvenuta durante il giro di perlustrazione del personale addetto. La decina di trampolieri presenti in tutto il parco fanno parte della "Collezione ornitologica Lauricella".

I giardini dell'unico parco ornitologico della Penisola sono di proprietà della Regione Siciliana e dell'Università degli Studi di Palermo. Per anni al suo interno risiedevano diverse specie di animali da tutto il mondo, prima del contenzioso sollevato dall'ex presidente Rosario Crocetta. Nel 2013, infatti, circa 1.200 animali furono trasferiti in giro per l'Italia e l'Europa, come a Pisa, Ravenna, in Olanda e in Germania.

Con un post pubblicato su Facebook, il Presidente della Regione Siciliana ribadisce il suo impegno per il rinnovamento dei giardini: "È la conferma della grande attenzione e dell’amorevole cura che stiamo riservando al Parco Orleans - afferma Nello Musumeci -, affidato a un team di professionisti di alto livello che si occupa giornalmente della flora e della fauna e che sta ricreando tra i giardini quell’ecosistema ideale per la vita e lo sviluppo di tutte le specie che vi si trovano.

Un assiduo lavoro di ingegneria ecologica che, dopo anni di imperdonabile abbandono - conclude -, ci consentirà presto di riconsegnare alla cittadinanza un'area verde meravigliosa, suggestiva, ricca di attrazioni e di tutti i comfort necessari per accogliere al meglio i visitatori".


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Aereo vietato al gatto: una famiglia costretta a lasciare a terra il proprio animale