Home Dall'Italia Paura a Roma, è caccia al serial killer: ricerche anche su app di incontri

Paura a Roma, è caccia al serial killer: ricerche anche su app di incontri


Redazione PL

L’identità del killer potrebbe arrivare da una chat presente in una piattaforma online,  utilizzata da una delle vittime. Gli inquirenti sperano di trovare qualche indizio  tra gli appuntamenti con i clienti

Ieri nella Capitale c’è stato un triplice omicidio: nel quartiere Prati sono state trovate morte  due donne di nazionalità cinese ed una colombiana. Le tre vittime erano dedite all’attività di prostituzione. I pm di Roma hanno affidato alla polizia una serie di verifiche e attività istruttoria. Gli investigatori hanno ascoltato numerosi testimoni, che però non avrebbero fornito un “identikit” dell’aggressore. Nessuna traccia anche dell’arma utilizzata e in questo ambito si stanno passando al setaccio anche i cassonetti dell’immondizia presenti nella zona di piazzale Clodio, così come le telecamere di sicurezza. Al vaglio degli inquirenti anche eventuali tracce del Dna presenti nel teatro degli omicidi e sui corpi delle donne, due delle quali rinvenute nude. Al momento risultano non identificate  le due vittime asiatiche, che con ogni probabilità sono cittadine cinesi, e inoltre si sta verificando anche la proprietà dell’appartamento di via Riboty.

Controlli su una chat d’incontri

L’identità del killer potrebbe arrivare anche da una chat presente in una piattaforma online,  utilizzata da una delle vittime, la colombiana 65 enne Martha Castano Torres. Gli inquirenti sperano di trovare qualche indizio tra gli eventuali appuntamenti con i clienti.  Ci potrebbe essere qancheuello con l’uomo  che l’ha uccisa   in via Durazzo, una strada, questa,  distante circa 850 metro dalla via degli altri due omicidi,  via Riboty. . Inoltre gli investigatori  hanno avviato l’analisi anche sui cellulari delle tre prostitute, per verificare i contatti avuti prima dei delitti, avvenuti a brevissima distanza l’uno dall’altro, con un  modus operandi del tutto simile. il che  fa supporre che possa trattarsi di  una azione premeditata.

(Fonte foto Messaggero)

Potrebbero interessarti