Home Cronaca Piazza Borsa, fuga di gas dopo un incidente stradale: paura tra i residenti

Piazza Borsa, fuga di gas dopo un incidente stradale: paura tra i residenti


Redazione

Si è diffusa la notizia errata che il guasto fosse legato alla rottura di un tubo di media pressione, ma AMG Energia precisa: "E' un tipo di rete che non è presente nella zona"

piazza

Allarme questa mattina in Piazza Borsa, a Palermo, dove una presa del gas incidentata da ignoti ha fatto scattare l’immediata operatività delle squadre del pronto intervento di AMG Energia Spa.

La presa, una derivazione d’utenza in bassa pressione che si trova esattamente in via Calascibetta, era stata danneggiata da un incidente stradale. Si è diffusa la notizia che all’origine delle segnalazioni dei residenti vi fosse la rottura di un tubo, ma l’azienda precisa: “É infondata la notizia che il problema sia stato determinato dalla rottura di un tubo di media pressione, un tipo di rete che non è presente nella zona”.

L’intervento in Piazza Borsa

La società partecipata del Comune, che si occupa della rete cittadina di distribuzione metano e di pubblica illuminazione, ha ricevuto in tempo reale, intorno alle 6.58 di stamattina, la segnalazione del problema al numero verde del “Pronto Intervento Gas” 800136136 attraverso una chiamata dei vigili urbani, seguita da altre due chiamate da parte di residenti.

Gli operatori della società si sono quindi recati subito sul posto. Sono intervenute due squadre: una ha circoscritto la zona interessata, sospendendo per precauzione l’erogazione e mettendo in sicurezza l’impianto; una seconda squadra, a supporto, ha eseguito la riparazione della colonnina. Alle 8 l’intervento di ripristino della presa del gas era già ultimato e l’erogazione riavviata.

“In casi come questo raccomandiamo di allertare subito il numero verde destinato alle emergenze gas – sottolinea il presidente di AMG Energia, Mario Butera –. Le chiamate tempestive, arrivate anche dai residenti, ci hanno consentito di individuare e risolvere subito il problema”.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti