Home Sport Per la prima volta sarà una donna a commentare una finale della Nazionale

Per la prima volta sarà una donna a commentare una finale della Nazionale


Pippo Maniscalco

La sostituzione è stata necessaria dopo il caso di Covid che ha interessato il team della Tv pubblica. Questa finale è la prima con il commento di una donna

Anche un tampone molecolare ha confermato la positività di Alberto Rimedio. Non c’è stato il miracolo dell’ultim’ora, e il telecronista della Rai, è stato confermato positivo al virus. Non sarà dunque lui a commentare domani sera a Wembley la finale Italia-Inghilterra. La Rai ha dunque ufficializzato la coppia di telecronisti che seguiranno su Rai1 il match destinato a battere tutti i record di ascolto. La promozione di Stefano Bizzotto è scontata. Il telecronista, però, per una precauzione legata all’emergenza Covid, dovrebbe lavorare in remoto da Roma.

LA SORPRESA È NEL COMMENTO

Ma è stata la scelta sulla seconda voce che ha sorpreso tutti. Molti ipotizzavano che il partner di Bizzotto era da decidere tra Giordano ed Agostinelli. Invece la scelta è caduta su Katia Serra, che a Euro 2020 ha fatto sempre coppia con Bizzotto. Bolognese, 48 anni, è una ex calciatrice italiana. Nei suoi precedenti commenti la Serra aveva diviso i telespettatori per i suoi commenti giudicati a volte troppo invasivi. Ma anche per il timbro della sua voce. A Repubblica.it Katia Serra, che sarà la prima voce femminile nella storia della Rai e del pallone a commentare una finale dell’Italia, ha detto: «C’è ancora chi non accetta che una donna possa parlare di calcio: anche per me questa è la partita della vita anche perché da lunedì tornerò disoccupata».

LA SCELTA DELLA SERRA HA SCATENATO LA POLEMICA

Su questa scelta si è scatenata la polemica. Su Twitter fioccano i commenti: “Questa parità di genere sta sfuggendo di mano. Lei è ingerente. Questa è una finale di un Europeo, non la partita tra muratori del giovedì sera. Occasioni come queste dovrebbero essere affidate ai top, non al políticamente corretto”. Ma anche: “Sarai ricordata nel bene se vinciamo nel male se perdiamo, scherzo ti auguro tutto il bene del mondo per trovare un lavoro fisso, il talento esiste altrimenti non saresti tu a fare la cronaca. Auguri”. Oppure c’è anche chi ha scritto: “È migliorata tanto come commento tecnico rispetto al primo giorno”. E, infine: “Quindi se disgraziatamente andrà male sapremo già a chi dare la colpa”.

Potrebbero interessarti