Home Sport Protocollo Regione-Coni: tamponi gratis per gare non professionistiche

Protocollo Regione-Coni: tamponi gratis per gare non professionistiche


Redazione

Firmato il protocollo tra Regione Sicilia e CONI

variante delta

Tamponi rapidi gratuiti per i partecipanti a competizioni sportive dilettantistiche. A stabilirlo il protocollo firmato dal presidente della Regione Nello Musumeci, dall’assessore al Turismo, sport e spettacolo Manlio Messina e dal presidente del Coni regionale Sergio D’Antoni.

I protocolli adottati dalle Federazioni Sportive Nazionali prevedono, in linea di massima, l’obbligo di tampone antigenico o molecolare entro le 72 ore precedenti la competizione. L’Assessorato alla Salute si impegna, dunque, a sottoporre al test i tesserati di Federazioni sportive nazionali, Enti di promozione e Discipline associate. Atleti, allenatori, dirigenti, giudici, cronometristi, medici e giornalisti: tutti coloro che parteciperanno a competizioni agonistiche di interesse nazionale e inserite nel calendario ufficiale del CONI avranno diritto al test gratuito.

Protocollo Regione-Coni, modalità operative

L’accordo prevede che le Aziende Sanitarie Provinciali indichino dei drive-in dove il personale sanitario si occuperà di questa attività. Il referente di ogni Asp potrà concordare con i delegati provinciali del CONI le modalità delle attività di screening. Il venerdì mattina una corsia preferenziale presso i drive-in sarà riservata ai tesserati, che dovranno essere presentare un “modulo sportivo di autocertificazione”. Si tratta di un documento che attesti la partecipazione alle suddette competizioni.

L’attività di screening potrà anche essere svolta direttamente dal personale medico di ciascuna società sportiva. La consegna dei tamponi sarà a carico delle Asp. Il referente di ogni squadra sarà tenuto a ritirare i tamponi al Dipartimento di Prevenzione competente.

Se il test dovesse dare esito positivo, saranno attivate le procedure ordinarie del caso. Sarà ripetuto il tampone molecolare e il soggetto sarà preso in carico dal Sistema sanitario regionale.

Potrebbero interessarti