Home Dal resto della Sicilia Madre e tre figlie organizzano raid punitivo per un commento su Tik Tok

Madre e tre figlie organizzano raid punitivo per un commento su Tik Tok


Pippo Maniscalco

Il commento su Tik Tok ha scatenato la violenza. L’auto della rivale danneggiata a colpi di mazza da baseball

Una donna di 39 anni, residente a Catania, nel popoloso Villaggio Sant’Agata, ha commentato in modo tutt’altro che gradito la foto postata su Tik Tok da una ragazza abitante nel vicino quartiere di Librino . Certo, è stato un insulto virtuale scritto su uno dei social più diffusi tra i giovani, però la reazione è stata violenta e reale. Anche perché la distanza fra le abitazioni delle protagoniste poteva essere colmata in auto in pochi minuti. Così un commento ad una foto ha innescato la miccia per accendere gli animi, e organizzare una spedizione punitiva.

LA VENDETTA

La donna offesa ha coinvolto la mamma e tre sue sorelle ed in auto hanno velocemente raggiunto la casa della autrice del commento pungente. Ed armate da una mazza da baseball, le hanno semidistrutto l’auto posteggiata vicino l’abitazione. Il quartetto, non ancora soddisfatto, ha iniziato una fitta sassaiola indirizzata contro la veranda della rivale, che ha deciso di scendere in strada, accompagnata dalla madre. pensando di potere spiegare, ricomporre la vicenda. Anche per evitare ulteriori ritorsioni. Ma non è andata così. Infatti, appena uscita dal portone è stata aggredita dalle quattro donne, intenzionate a farsi giustizia anche fisicamente.

ARRIVANO I CARABINIERI

Fortunatamente proprio in quel momento sono arrivate diverse pattuglie dei carabinieri, allertati dai vicini, spettatori increduli e impauriti. I militari hanno dovuto faticare non poco per contenere l’aggressività del clan familiare, e mettere quindi in salvo la malcapitata e l’anziana madre. Hanno identificato le donne protagoniste della missione punitiva, e le hanno denunciato per lesioni personali e danneggiamento in concorso. Oltre alle violazioni delle norme emanate per il contenimento della diffusione del Coronavirus.

Potrebbero interessarti