Home Dall'Italia Rapina in banca “all’americana” con ostaggi legati: arrestati tre palermitani in trasferta

Rapina in banca “all’americana” con ostaggi legati: arrestati tre palermitani in trasferta


Redazione PL

Arrestati tre palermitani per una rapina ben studiata effettuata ai danni di una banca di Ferrara

I cittadini di Ferrara che ricordano la rapina alla “Banca del Centro Emilia” di via Porta Romana del 12 settembre 2022 , dicono che è stata  come “quelle nei film americani”. Un bottino da 60.000 euro in contanti e 250.000 euro di gioielli e preziosi.

Le modalità del colpo furono studiate fin nei minimi dettagli da professionisti del settore e risultarono particolarmente efferate: sei persone legate mani e piedi e rinchiuse in uno sgabuzzino. Adesso, per quel colpo sono state arrestati tre palermitani.

Le indagini

Gli inquirenti, per le loro indagini, sono partiti da alcuni video delle telecamere di sicurezza della banca. Nei giorni precedenti alla rapina, avevano inquadrato un uomo, apparentemente un cliente, in atteggiamento sospetto: era entrato nella filiale e aveva iniziato a muoversi in modo anomalo. Teneva il cellulare in verticale, di fronte al petto e appoggiato a un giornale. Una posizione perfetta per poter riprendere l’interno della banca. Lo stesso soggetto, il giorno della rapina, era all’esterno della filiale, mentre probabilmente stava facendo il palo.

Arrestati tre palermitani

Da lì sono stati raccolti indizi di reato univoci e concordanti nei confronti di quattro soggetti, tre dei quali palermitani, tutti ritenuti responsabili di rapina aggravata e sequestro di persona. Un quadro accusatorio pienamente avallato dall’Autorità Giudiziaria ferrarese, che ha pertanto disposto l’arresto dei soggetti. Il provvedimento è stato eseguito lo scorso mercoledì 27 settembre dai Carabinieri della Compagnia di Ferrara, unitamente ai colleghi competenti per territorio, a Bologna, Palermo e Trapani presso le relative case circondariali dove tre dei quattro indagati erano già ristretti per altra causa.

La rapina e i sequestri

La rapina conclusa con le tre misure cautelari è iniziata alle 7.45 di un normale lunedì di fine estate. La direttrice della filiale della “Banca del Centro Emilia”, alzata la saracinesca della banca, ha sentito suonare l’allarme. Sulle prime ha pensato a un guasto, ma poco dopo ha scoperto a sue spese che ad attivare il sistema di sicurezza erano stati i malviventi. Avevano infatti abbattuto le inferriate della finestra del bagno, appositamente tagliate la notte precedente.

In un lampo, tre uomini armati e col volto travisato sono piombati dentro e hanno aggredito la direttrice, immobilizzandola. La stessa sorte è toccata poco dopo a due impiegati e tre clienti, tra cui una donna incinta. Tutti legati mani e piedi con fascette da elettricista e chiusi per tutta la durata della rapina in uno stanzino. Agguantato l’ingente bottino, i banditi sono scappati. 

Foto: frame video Telestense Ferrara

Entra in un bar con la pistola per una rapina, i clienti lo disarmano – VIDEO

Potrebbero interessarti