Home Dall'Italia Robinho condannato per stupro: l’Italia chiede al Brasile l’estradizione

Robinho condannato per stupro: l’Italia chiede al Brasile l’estradizione


Redazione PL

La violenza risale al 2013, e Robinho per sottrarsi alla giustizia era scappato in patria, annullando due anni di contratto con il Milan

Il ministero della Giustizia ha chiesto al Brasile l’estradizione di Robinho, ex attaccante del Milan dal 2010 al 2014, che il 19 gennaio scorso ha subìto una condanna in via definitiva dalla Cassazione a 9 anni di carcere. Con lui condannato anche   l’amico Ricardo Falco. Le condanne furono  per violenza sessuale di gruppo su una ragazza albanese che subì abusi in un locale milanese la notte del 22 gennaio 2013. La procura di Milano a febbraio aveva emesso un mandato di arresto internazionale. La ministra della Giustizia, Marta Cartabia ha inoltrato la richiesta di estradizione  il 28 settembre 2022.

Robinho è scappato in Brasile rinunciando al contratto con il Milan

Per sottrarsi all’indagine milanese, il calciatore Robson de Souza Santos, in arte Robinho, aveva rinunciato a ben due anni di ingaggio nel Milan, tornando in patria alla fine del campionato 2013/2014.  A suo carico, oltre alla denuncia della vittima, c’era il precedente che si portava appresso da quando giocava a Manchester, dove era stato colpito da una accusa analoga, poi archiviata. Nell’indagine milanese erano invece emerse prove considerate inoppugnabili dai giudici. Comprese le intercettazioni tra Robinho e il suo amico Jairo Chagas, musicista, anche lui presente alla serata.

Erano cinque amici al bar…

Erano cinque gli amici al Sio Cafè, uno dei bar classici della movida milanese, ed avevano adocchiato una ragazza albanese, che si trovava lì per festeggiare il compleanno. Era presente anche la moglie del calciatore, che però è tornata a casa con un taxi. Il gruppo aveva bisogno di  per lasciare al gruppo mano libera. Nella sentenza si legge che la ragazza    ubriaca e stordita,  fu portata nel retro del locale dove, secondo l’accusa, fu sottoposta a «plurimi e ripetuti rapporti sessuali». Tornato in patria, Robinho aveva sempre sostenuto che il rapporto di gruppo fosse avvenuto con il consenso della ragazza. Ma due anni fa la pubblicazione delle intercettazioni con Chagas aveva affossato la linea difensiva.

Potrebbero interessarti