Home Dal resto della Sicilia Scuola di formazione per il bene comune, sei incontri a Catania

Scuola di formazione per il bene comune, sei incontri a Catania


Marianna La Barbera

L'organizzazione porta la firma di Futurlab, associazione presieduta da Antonio La Ferrara

Sei incontri per creare valore sociale, formare cittadini consapevoli e diffondere la cultura d’impresa. 
Questi, in sintesi, gli obiettivi del corso di formazione organizzato dall’associazione Futurlab e dalla Compagnia delle Opere Sicilia a Catania. 
Una vera e propria scuola che, da gennaio a maggio del 2024, affronterà argomenti di grande attualità che riguardano il presente il futuro prossimo venturo dell’Italia. 
Tante le prospettive analizzate, accomunate dall’ottica di una crescita culturale ampia che si fonda su aspetti concreti e di forte impatto per tutti i cittadini. 
Al centro del corso di formazione, la convinzione secondo cui la ripresa post Covid non è solo economica ma anche sociale. 
Le scelte strategiche e sanitarie, infatti, sono strettamente legate alla gestione, efficace e qualificata, della pubblica amministrazione. 

LA PRESENTAZIONE UFFICIALE 

La conferenza stampa per illustrare i contenuti e le attività della Scuola di formazione del bene comune si terrà sabato 2 dicembre alle ore 9:30 al Palazzo della Cultura in via Vittorio Emanuele a Catania
Prevista la presenza di Antonio La Ferrara e Salvatore Motta , rispettivamente presidente di Futurlab e Compagnia delle Opere – Sicilia,  del  sindaco di Catania Enrico Trantino, di Giuseppe Cicala, direttore generale della Scuola di formazione per il bene comune e di Claudia Fuccio, direttrice di CdO Sicilia.

GLI ARGOMENTI 

I relatori degli incontri figurano tra i massimi esperti nazionali delle materie trattate. 
Tra i temi del corso, la pubblica amministrazione del futuro, lo sviluppo locale del territorio, l’industria del turismo e gli investimenti per le imprese in Italia. 
Particolare attenzione sarà rivolta anche ai Comuni, cuore pulsante dello sviluppo nazionale nella stagione del Piano di Ripresa e Resilienza
Non mancheranno gli argomenti di natura politica, quali il valore della rappresentanza nelle istituzioni e il ruolo del Parlamento in Italia. 
E infine, la cultura del bene comune e il partenariato pubblico-privato nell’ambito della sanità. 

Salvatore Motta, presidente della Compagnia delle Opere in Sicilia

LA PARTNESHIP DELLA COMPAGNIA DELLE OPERE 

Futurlab si avvale, quest’anno, di un importante compagna di viaggio. 
Ovvero, la Compagnia delle Opere, punto di riferimento privilegiato per imprese, professionisti e organizzazioni no profit che condividono l’impegno del sostenere lo sviluppo economico e sociale della Sicilia. 
“Incoraggiare l’imprenditorialità e l’occupazione all’inizio della stagione del PNRR  – spiega il presidente della CdO Salvatore Motta – e il positivo effetto domino che potrebbe provocare è quanto mai importante”. 
“Un’opportunità da non perdere – suggerisce –  creando una rete tra l’Università e le istituzioni regionali e locali“. 
“Immagino una strategia comune  – auspica – per formare quadri dirigenti e imprenditori e affrontare in modo vincente le sfide del presente del futuro”. 
Il progetto Futurlab ha preso il via otto anni addietro. 
“Nel meraviglioso panorama di attività svolte dall’anno della fondazione –  racconta il presidente Antonio La Ferrara – la Scuola di formazione per il bene comune ha rappresentato e rappresenta una delle attività che ha inciso più profondamente nel tessuto sociale del territorio”.
“Anni in cui – conclude –  abbiamo potuto sperimentare la bellezza di creare valore sociale direttamente e indirettamente, attraverso la  Scuola di formazione per il bene comune, fortemente voluta da Giorgio Vittadini e costituita qui in Sicilia e specificatamente a Catania”. 

 

 

 

Potrebbero interessarti